Vincenzo Nibali c’è. Diciannove giorni dopo la frattura del polso e sei prima del via da Torino, la Trek-Segafredo annuncia la presenza dello Squalo al prossimo Giro d’Italia. Una bella notizia per i tifosi del siciliano, che a 36 anni rimane ancora il simbolo del movimento nostrano per quel che riguarda le gare a tappe. Ma che mai come questa volta, si presenta al via tra le incognite. Con una forma per forza di cose non idilliaca, quale sarà il suo obiettivo? E il rientro forzato sarà un rischio o il recupero lampo sarà fondamentale in vista del prosieguo della stagione?

Da dove passa il Giro d'Italia 2021? Ecco città e regioni

Al via di Torino, Nibali avrà di certo il sorriso. Perché esserci non era affatto scontato e solo lui sa quanto è stata dura questa corsa contro il tempo iniziata lo scorso 14 aprile. Ma anche perché il capoluogo piemontese gli evoca dolci ricordi, perché è qui che si è concluso il suo trionfale Giro del 2016. Certo, la sua decima partecipazione alla corsa rosa sarà anche quella più avvolta nella nebbia, sia per quanto riguarda la sua condizione, sia – di conseguenza – su quello che sarà il suo ruolo all’interno della squadra. Tolto il 2007, anno dell’esordio in cui contribuì al successo finale del compagno di squadra Danilo Di Luca, Vincenzo è sempre stato il più alto in grado al Giro (nel 2008 era co-capitano con Pellizotti, che gli finì davanti).
Giro d'Italia
Nibali: "Fare classifica? Voglio lasciare un segno al Giro"
03/05/2021 A 17:24

Vincenzo Nibali - Giro d'Italia 2016 trofeo - Getty Images

Credit Foto Getty Images

Nibali al Giro

200719esimo
200811esimo
2010terzo
2011secondo
2013vincitore
2016vincitore
2017terzo
2019secondo
2020settimo
Certo, un uomo dall’intelligenza ciclistica come lui non avrebbe problemi ad adattarsi e il Tour 2016 – con Fabio Aru - dimostra che Vincenzo sa essere sapiente uomo squadra in queste corse. Nibali potrebbe tornare a vestire questi panni, lavorando da regista per quei Giulio Ciccone e Bauke Mollema che in sua assenza sono gli uomini forti per la classifica generale. Solo ipotesi, naturalmente, perché sarà la strada a decretare il livello fisico e mentale dello Squalo. E le prime tappe possono essere già indicative in tal senso. Dopo il cronoprologo e l’agevole tappa di Novara, ci sarà la nervosa frazione con arrivo a Canale per provare ad alzare i giri. Il giorno dopo, ecco il primo (quasi) traguardo in salita, in quel di Sestola. Ascesa breve ma intensa, con scollinamento a 2 km dalla fine. La prima giornata buona – non certo quella decisiva – per fare il punto della situazione.

Giro 2021, tappa 4: Piacenza-Sestola, percorso in 3D

Il primo giorno di pausa cadrà martedì 18 maggio, dopo 10 tappe e con una classifica già modellata. Lì potrebbe “iniziare” il Giro di Nibali, che più che scattista è sempre stato un maratoneta in questi contesti. Se la maglia rosa sarà già una chimera, lo Squalo potrebbe alternarsi tra il ruolo di gregario di lusso e nobile cacciatore di tappe, con tante occasioni buone per cercare gloria nel percorso verso Milano. Sempre supposizioni, naturalmente. Perché se il Giro era il primo grande obiettivo stagionale, ora diventa fondamentale curare nei minimi dettagli la preparazione per il secondo, la prova su strada alle Olimpiadi di Tokyo. Nibali avrebbe dovuto “usare” il Tour come rifinitura, ma a questo punto potrebbe prendere una rincorsa più lunga, a partire da questo sabato.
In questi giorni si è parlato anche del rischio di Vincenzo nel tornare così presto e di dover gareggiare dopo un infortunio così delicato. Un azzardo calcolato e deciso a tavolino coi i medici, che il siciliano ha esperienza per gestire. Più importante vivere di nuovo la gara, magari inizialmente con un profilo più basso, ma assaporando il confronto diretto giorno dopo giorno. "Farò l'impossibile per esserci", aveva detto tre settimane fa Nibali. Promessa mantenuta, per il resto si vedrà.

La festa di Stuyven per la Sanremo: anche Nibali balla sul bus

Giro d'Italia
Nibali ci sarà! Lo Squalo ha il via libera dei medici
03/05/2021 A 10:23
Ciclismo
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53