È stata la sorpresa dell'ultima Vuelta, con il corridore britannico che è diventato dal nulla il capitano dell'allora Education First dopo l'infortunio di Sergio Higuita. Hugh Carthy non sarà riuscito a vincere la tre settimane spagnola, ma si è piazzato alle spalle solo di Roglic e Carapaz e ha giocato ad armi pari contro i due favoriti, portandosi a casa - tra l'altro - la tappa dell'Angliru. Insomma, un exploit che ha portato lo staff dell'EF a puntare sul britannico anche negli anni avvenire, consegnandogli intanto i gradi di capitano al prossimo Giro d'Italia. Più spazio per il classe '93 che ha anche rinnovato il suo contratto con il team statunitense.

Le parole di Hugh Carthy

Ho scelto di rimanere in EF semplicemente perché il team si sente bene. Siamo uno strano mix di corridori, ma formiamo una squadra. Quando ci si sente bene, restare sembra l'unica opzione logica. Ho avuto dei bei ricordi e ho fatto buoni amici qui tra i piloti e lo staff. Voglio continuare questo viaggio e fare la mia parte nella grande eredità della squadra
Giro d'Italia
La startlist del Giro d'Italia: ci sono anche Nibali e Bernal
28/04/2021 A 20:08
Carthy vestirà quindi la maglia dell'Education Nippo fino al 2023, un bel modo per proiettarsi verso il Giro d'Italia dove l'obiettivo resta quello centrato alla Vuelta qualche mese fa, ovvero quello di lottare per un posto sul podio. La stagione è cominciata con un 8° posto alla Volta a Catalunya, con un 12° posto al Giro dei Paesi Baschi, ma è cresciuto molto nelle ultime settimane fino a trovare un 5° posto nella generale dell'ultimo Touf of the Alps.

L'Angliru è di Carthy! Rivivi il suo arrivo

Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53
Giro d'Italia
Giro d'Italia 2021: percorso e calendario di tutte le tappe
06/02/2021 A 02:11