Nel ciclismo, come nella vita, esiste il "mai dire mai”. Lo abbiamo visto con la rimonta - insperata - di Froome nel Giro 2018, ma anche Vincenzo Nibali vinse un Giro d'Italia pazzo nel 2016. A tre tappe dal termine aveva 4'43'' di ritardo dalla maglia rosa, anche il podio era piuttosto lontano... Poteva puntare comunque al 3° posto, magari, sfruttando le ultime due frazioni di montagna pura. Ma in quel Giro, Nibali non aveva ancora battuto un colpo; anzi, c'era chi aveva ventilato un possibile ritiro al termine della seconda settimana a causa di una condizione fisica non soddisfacente. Nibali però riuscì a rilanciarsi, grazie all'appoggio della sua squadra, grazie all'amico Michele Scarponi, grazie all'affetto dei suoi tifosi. Aveva ritrovato voglia e condizione fisica: prima della tappa di Risoul era 4°, poteva ambire al 3° posto, ma perché non provare a vincere il Giro? Quando si è con la testa libera si può provare di tutto, perché no, poi però bisogna riuscirci. A Risoul ci fu il numero, ma quel numero doveva essere completato. Non bastava aver 'eliminato' Kruijswijk dall'equazione, serviva battere anche Chaves che si era portato a casa la maglia rosa. Ma c'era un'altra tappa, altri 4 GPM, e tanta voglia di fare con un Chaves all'estremo delle forze.

Classifiche e Risultati

| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47

L'azione decisiva

È Nibali contro Chaves. Il siciliano aveva già provato degli allunghi, ma il colombiano aveva saputo resistere. Ma che fatica per il corridore della Orica GreenEdge che già sul Col de la Bonette aveva dimostrato di non essere pienamente in condizione, a causa di una leggera febbre. All'inizio del Colle della Lombarda, Chaves prova ancora a rimanere in scia di Nibali, ma a -11,8 km dal traguardo arriva l'attacco decisivo. Siamo a 5 km dallo scollinamento del Colle della Lombarda, l'ultimo GP di 1a categoria di quel Giro, poi ci sarà l'ascesa finale di Sant'Anna di Vinadio (ma di 3a categoria). Quello era proprio l'ultimo punto utile per fare la differenza e provare a completare l'operazione rimonta: missione compiuta perché Nibali non solo recupera i 44 secondi che aveva di ritardo, ma rilancia assicurandosi a pieno titolo la maglia rosa. Chaves si deve accontentare del 2° posto, mentre Valverde si ritroverà sul podio a scapito di Kruijswijk.

L'ordine d'arrivo

CorridoreSquadraTempo
1. Rein TAARAMÄEKatusha4h22'43''
6. Vincenzo NIBALIAstana+6'44''
7. Alejandro VALVERDEMovistar+6'57''
13. Steven KRUIJSWIJKLottoNL-Jumbo+8'13''
14. Esteban CHAVESOrica GreenEdge+8'20''

L'attacco decisivo di Nibali ai -11,8 km, la leadership di Chaves scricchiola

L'epilogo del Giro

Beh quella fu l'ultima tappa di montagna di quel Giro d'Italia 2016 e Vincenzo Nibali completò la rimonta, andando a conquistare la sua seconda maglia rosa in carriera. E dire, comunque, che la tappa del giorno dopo, la Cuneo-Torino, fu comunque molto ostica tra cadute e pioggia. Kruijswijk cadde, di nuovo, un paio di volte, anche Chaves e Valverde finirono per terra. Tanto che la giuria di corsa decise di neutralizzare la tappa a 60 km dall'arrivo. Altro Grande Giro conquistato per Nibali, dunque, che si poròa a 4 in carriera a -1 dalla top 10 dei corridori più vincenti di sempre. Con 5 ci sono Felice Gimondi, Gino Bartali e Alfredo Binda, il più vincente di sempre tra gli italiani è invece Fausto Coppi (7).

La rimonta di Nibali è completa! Chaves ko; la maglia rosa è sua

La classifica del Giro 2016

CorridoreSquadraTempo
1. Vincenzo NIBALIAstana86h32'49''
2. Esteban CHAVESOrica GreenEdge+52''
3. Alejandro VALVERDEMovistar+1'17''
4. Steven KRUIJSWIJKLottoNL-Jumbo+1'50''
5. Rafal MAJKATinkoff+4'37''

Nibali vince il Giro 2016 e viene abbracciato dalla madre di Chaves

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Giro d'Italia
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53