Nessun guizzo per Vincenzo Nibali al Giro di Lombardia, lui che cercava il terzo successo in carriera nella Classica dalle foglie morte. Il corridore della Bahrain Merida si è staccato sul Civiglio a causa di una borraccia, poi il black out con il siciliano che è arrivato al traguardo di Como con 6 minuti di ritardo.
Mi si è spenta la luce, come a van Der Poel al Mondiale. Volevo finire la corsa perché sapevo che il pubblico, nel bene o nel male, è sempre lì ad aspettarmi. Sono finito contro una borraccia che era scappata dalle mani di un altro corridore, ho colpito accidentalmente un corridore della Lotto Soudal e sono finito vicino al marciapiede. Da lì ho cominciato ad avere dei crampi, ma non ci sono scuse, la verità è che avevo finito le energie. [Vincenzo Nibali al Festival dello Sport di Trento]
Nella prossima stagione l’approdo alla Trek Segafredo. Nibali non sa ancora se parteciperà al Giro piuttosto che al Tour. Quel che è certo, è che il Giro è nel suo cuore...
Il Lombardia
Mollema sorprende Valverde e Roglic: è suo il Giro di Lombardia, Nibali staccato
12/10/2019 A 11:24
Ho il Giro nel cuore. La prima partecipazione è stata nel 2007, ma l’avevo già vissuto quando era partito da Reggio Calabria nel 2005, andando a trovare la Fassa Bortolo. Prendo come simbolo il successo sotto la neve alle Tre Cime di Lavaredo
Poi è intervenuto Urbano Cairo, presidente di RCS MediaGroup, che ha chiesto maggior coinvolgimento da parte delle Istuzioni nel Giro d’Italia.
Il Giro è un patrimonio e mi auguro che ci sia una maggiore partecipazione delle Istituzioni, come accade già in Francia
Ciclismo
Definito il passaggio di Nibali alla Trek Segafredo: Ciccone, Mollema e Porte i suoi gregari
01/08/2019 A 20:57
Giro d'Italia
Tutte le classifiche del Giro d'Italia dopo la 3a tappa
17 ORE FA