Non ha vinto e non è salito nemmeno sul podio, ma si è comunque giocato la vittoria della Liegi. Non una corsa qualunque. Parliamo ovviamente di Alejandro Valverde, uno dei protagonisti dell'ultima Classica di Primavera. Giusto citarlo perché a 41 anni non puoi mai sapere la reazione del tuo fisico, soprattutto dopo una prima parte di stagione intensa che ha visto il murciano darsi da fare al GP Indurain (vinto), alla Volta a Catalunya (4° nella generale) e ancora al Giro dei Paesi Baschi (7° nella generale). Il corridore della Movistar ha fatto 3° alla Freccia Vallone e si è giocato fino alla fine la Liegi contro Alaphilippe, Pogacar, Woods e Gaudu. Già questo era un successo, visto che altri non sono stati della partita, come Matthews, Van Avermaet, Kwitakowski o Roglic. Il tutto nel giorno del proprio 41esimo compleanno.

41 anni e sentirli tutti, ma che gamba

Diciamoci la verità. Dire 41 anni e non sentirli sarebbe un errore, perché Valverde non è sicuramente quello di 5 anni fa. Ma il murciano ha la tempra dura e, dopotutto, la Liegi è la sua corsa. Valverde ha conquistato la Doyenne 4 volte in carriera e ormai da qualche tempo punta alla quinta che lo farebbe entrare ancor di più nella storia. Ci ha creduto e ha fatto le sue mosse, anche perché è stata proprio la Movistar la squadra più attiva nel corso della prima parte di gara, per tenere la fuga a margine di sicurezza. Poi è stato lì nelle prime posizioni, cercando di evitare buchi clamorosi su tutte le côtes che si sono succedute. Infine, ha risposto alla grande all'attacco di Woods sulla Côte de la Roche-aux-Faucons, là dove Roglic ha pagato dazio. Valverde ci ha provato, è anche uno dei più veloci allo sprint, ma forse, proprio all'ultimo, quei 41 anni si sono fatti sentire nella volata ristretta che ha consacrato il talento di Pogacar.
Liegi-Bastogne-Liegi
Valverde resta a -1 da Eddy Merckx: ci riproverà nel 2022?
25/04/2021 A 19:48

La storia di Valverde alla Liegi

EdizionePiazzamento
200533
20061
20072
20081
200919
20103° revocato*
2011non ha partecipato*
2012squalificato**
20133
20142
20151
201616
20171
201813
2019ritirato
2020non ha partecipato
20214
*per sentenza di squalifica al doping
**squalificato per traino

Pogacar, Valverde e Alaphilippe vanno: Roglic è in trappola

Niente record di Merckx: avrà ancora un'occasione?

Il sogno di Valverde era quello di raggiungere un mostro sacro come Eddy Merckx. Non in senso assoluto, sia chiaro, ma se avesse vinto l'ennesima Doyenne, il murciano avrebbe completato una cinquina storica. Il record man di vittorie alla Liegi è proprio Merckx, ed avere lo stesso numero di vittorie di una leggenda, in una Monumento come questa, sarebbe stato unico. Non che Valverde abbia bisogno di ancora qualche altro successo per consacrarsi, è stato anche campione del mondo, ma da tempo inseguiva questo sogno. E lo insegue ancora. Potrà ancora farcela? Anche perché fu lo stesso Valverde a dichiarare il 2021 come ultima sua stagione da professionista... Ha 41 anni. Però il vento è un po' cambiato, dicendo - dopo la Freccia Vallone - che sente ancora buone sensazioni. Che voglia regalarsi ancora un'ultima stagione per tentare l'ultimo assalto alla Liegi?

I corridori più vincenti alla Liegi

CorridoreEdizione vinte
1. Eddy Merckx5
2. Moreno Argentin4
2. Alejandro Valverde4
4. Léon Houa3
4. Alfons Schepers3
4. Fred De Bruyne3

Valverde: "Non so se è stata la mia ultima Freccia, ma ci dovevo provare"

Tattiche Movistar, uno stile di vita (a volte inefficace)

Abbiamo tessuto le lodi di Valverde, ma è giusto ricordare anche come se l'è giocata. Era il corridore di maggior esperienza nel quintetto che si è giocato la vittoria, ma è stato comunque messo in trappola da gente che si è dimostrata molto più furba di lui come Pogacar e Alaphilippe. All'ingresso all'ultimo km, infatti, è stato 'messo' in testa alla fila, dando a lui l'onore di lanciare la volata. Ergo, aveva perso in partenza. A 41 anni, questo errore è un imperdonabile. Ma, nell'adrenalina della corsa, qualche errore ci può stare. In ammiraglia nessuno gli ha ricordato di evitare questo scenario? Non è un caso che ci abbiano fatto una serie televisiva sulle strategie della Movistar, a volte troppo cervellotiche e inefficaci. Peccato, a Valverde è mancato giusto un dettaglio per fare la storia. Ancora una volta.

Alaphilippe ancora ko in volata: rivivi la vittoria di Pogacar

Liegi-Bastogne-Liegi
Pogacar si prende la Doyenne: Valverde non raggiunge Merckx
25/04/2021 A 10:52
Giro di Turchia
Cavendish fa 150: è a -1 da Moser. La classifica all-time
18/04/2021 A 13:57