A vincere è ancora uno sloveno, anche se non è stato il favorito numero 1 di giornata. Questa volta Roglic paga le fatiche dell'Amstel, da gregario, e della Freccia Vallone e viene messo in trappola degli uomini dell'UAE Emirates che oggi avevano una voglia di vincere clamorosa. Un po' per come Pogacar l'aveva persa lo scorso anno, un po' perché il team emiratino era stato escluso dalla Freccia Vallone di qualche giorno fa per due casi covid, benché fossero falsi positivi (appurati ben prima dello start ufficiale). Il vincitore del Tour de France è stato sempre nelle posizioni ed è stato reattivo quando Woods ha portato via il drappello decisivo a 13 km dalla fine. Poi ha battuto Alaphilippe allo sprint, cosa non di tutti i giorni considerando lo spunto veloce del campione del mondo che, dopo la 3a Freccia Vallone in carriera, manca ancora l'assalto alla Liegi. Ai piedi del podio arriva invece Valverde che se l'è giocata male alla fine, anche se era ancora lì a battagliare per vincere, nel giorno del suo 41esimo compleanno. Lui voleva raggiungere Merckx nell'albo d'oro della Doyenne: missione non compiuta, ma era comunque lì. Chapeau!

Alaphilippe ancora ko in volata: rivivi la vittoria di Pogacar

L'ordine d'arrivo

Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53
CorridoreTempo
1. Tadej Pogacar6h39'26''
2. Julian Alaphilippest
3. David Gaudust
4. Alejandro Valverdest
5. Michael Woodsst
6. Marc Hirschi+7''
7. Tiesj Benoot+7''
8. Bauke Mollema+7''
9. Maximilian Schachmann+9''
10. Matej Mohoric+9''
11. Michal Kwiatkowski+9''
12. Jakob Fuglsang+9''
13. Primoz Roglic+9''
14. Esteban Chaves+9''
15. Guillaume Martin+9''
16. Davide Formolo+9''

7 in fuga: c'è anche Lorenzo Rota

Dopo 6 km viene via la fuga con l'attacco di 7 uomini: al vento ci sono Huys e Paasschens (Bingoal WB), Vliegen e Lorenzo Rota (Intermarché-Wanty-Gobert), Chernetskiy (Gazprom RusVelo), Marczynski (Lotto Soudal) e Van Poucke (Vlaanderen-Baloise). A fare l'andatura in gruppo la Deceuninck Quick Step del grande favorito Alaphilippe, la Jumbo Visma di Roglic e l'UAE Emirates di Pogacar. I 7 acquisiscono un vantaggio anche superiore ai 10 minuti sul gruppo, ma sulla prima côte di giornata, la Côte de La Roche-en-Ardenne, il margine scende a 8'50''.

Giornata da ricordare per Lorenzo Rota: 230 km di fuga

La Ineos in blocco: parte da solo Carapaz

Sulla Côte de la Haute-Levée c'è qualche movimento, con una fiammata tentata anche dal campione olimpico Van Avermaet. Alla fine riescono ad evadere in tre sul Col du Rosier con l'azione del trio Padun-Vanhoucke-Donovan. Sulla Côte de la Redoute si fa sempre la differenza e Geoghegan Hart va con una frullata che crea un buco: Pogacar subito dietro, Roglic riesce a prendere il treno all'ultimo, restano distanziati invece Alaphilippe e Valverde. La Ineos ci prova e ci riprova, con altre fiammate di Geoghegan Hart e Adam Yates che riescono a mettere in trappola Roglic e Alaphilippe. Restano ancora Chaves, Pogacar, Higuita e Gaudu e, a questo punto, quando mancano 21,5 km, se ne va in solitaria Carapaz.

Scatto di Carapaz: il vincitore del Giro 2019 se ne va

Posizione irregolare in discesa: la VAR squalifica Carapaz!

Roglic in trappola: Pogacar batte Alaphilippe

Può essere l'azione decisiva, ma arrivano gli UAE Emirates, con Formolo a chiudere sull'ecuadoriano sulla Côte de la Roche-aux-faucons (Carapaz verrà poi squalificato per posizione irregolare in bici in discesa). Erano rientrati anche Alaphilippe, Roglic e Valverde e proprio sulla parte finale dell'ultima salita ecco che parte un drappello di 5 uomini come lo scorso anno. Woods si porta dietro Pogacar, Valverde, Gaudu e Alaphilippe, mentre rimane in trappola Roglic che era senza compagni di squadra. Lo sloveno proverà a rientrare, ma non trova l'accordo con Fuglsang e Kwiatkowski e la gara è ormai andata.

Pogacar, Valverde e Alaphilippe vanno: Roglic è in trappola

Se la giocheranno i 5 in volata: Valverde viene lasciato davanti come lepre e non se la gioca come vorrebbe, dietro parte Alaphilippe che viene però rimontato da Pogacar che riesce a mettere la ruota davanti sulla linea del traguardo. Ancora una volta beffato da uno sloveno il campione del mondo che non riesce a conquistare una delle sue Monumento preferite. Prima Monumento in carriera invece per Pogacar che l'anno scorso fece 3° alla Liegi.

Roglic: "Sono andati troppo forte, non avevo le gambe"

La classifica scalatori

CorridoriPunti
1. Tomasz Marczynski5
2. Laurens Huys2
3. Michael Woods1
3. Aaron Van Poucke1
3. Mathijs Paasschens1

Rivivi la Liegi-Bastogne-Liegi On Demand (Contenuto Premium)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Ciclismo

Liegi-Bastogne-Liegi | Prova maschile

00:00:00

Replica
Giro d'Italia
Nibali, Froome, Pogacar: Giro o Tour? Cosa fanno i big?
18/02/2021 A 16:42
Tour de France
Ciclismo in diretta: calendario e risultati del World Tour 2021
05/02/2021 A 17:58