Prima classica dell’anno per il ciclismo maschile e femminile, la Strade Bianche 2021 che passerà alla storia per essere stata sì quella dell’exploit di Mathieu van der Poel, ma anche per il crowdfunding sul montepremi della prova femminile. Non sapete di cosa si tratta vero? Bene, piccolo passo indietro. Due giorni prima della Strade Bianche, c’è stata la Omloop het Nieuwsblad, vinta da Davide Ballerini e Anna van der Breggen nella prova femminile. Poche ore dopo la fine della corsa, sui social è comparso questo grafico.
16.000€ il premio per il Ballero, 930€ quello della Campionessa del Mondo.
Ciclismo
Pogacar, che fenomeno! Il suo anno da sogno in 250 secondi
05/01/2022 A 08:31
"Ci siamo abituate, è così da almeno 10 anni ma non dobbiamo focalizzarci su questo. Siamo già felici che ci siano corse per le donne e so credo che già per questo gli organizzatori facciano degli enormi sforzi. Noi possiamo solo continuare a far crescere il movimento come stiamo facendo, alla fine in prize money cambierà"
Così la Van der Breggen a Cyclingnews dopo la Omloop. E che c’entra la Strade Bianche?
Prima della classica di Siena, per ovviare al problema del montepremi, un tifoso olandese Cam Tanyeri ha creato una campagna di crowdfunding con l’obiettivo di raccogliere “solo” 5.000€ da utilizzare come prize money della Strade Bianche, che a ridosso della corsa sono diventati 20.000 da dividere così:
  • 1a classificata 6400€ (32%)
  • 2a classificata 5000 (25%)
  • 3a classificata 3800€ (19%)
  • 4a classificata 2800€ (14%)
  • 5a classificata 2000€ (10%)
Alla fine della gara sono stati raccolti più di 26 mila euro. Con questo gesto si è inevitabilmente creato un dibattito secondo cui aumentare il prize money, favorisce solo le big che tendenzialmente vincono o si piazzano, e questo non giova all’intero movimento. Secondo gli organizzatori la copertura mediatica, ad esempio, lo fa - quindi meglio investire su quello. Nel giorno della festa della donna le atlete hanno preso parola e zittito tutti così.
Le quote premio raccolte saranno impegnate a favore di progetti per il ciclismo femminile
"Per dare ancora più importanza a questa azione, io e le mie compagne della Trek-Segafredo abbiamo deciso che la nostre quote di premio raccolte con il crowdfunding, a partire da quella destinata a me per la Strade Bianche, saranno accantonate e impegnate in favore di progetti per il ciclismo femminile. Decideremo presto come e dove spenderli, ma in questo giorno speciale anche noi vogliamo segnare un nuovo passo nella lunga e difficile strada dell’emancipazione femminile"
Chapeau, ragazze!
Ciclismo
Taiwan Cup 2021: pedalata virtuale nel mondo reale
30/12/2021 A 08:00
Ciclismo
Colbrelli, Caruso, Ganna: da 0 a 10, il pagellone del 2021
29/12/2021 A 21:36