Un capolavoro che resterà scolpito negli annali. Dopo gli ori dei Filippo, Ganna e Baroncini, l'Italia vive il suo terzo giorno di gloria ai Mondiali di ciclismo su strada nelle Fiandre, trionfando nella prova in linea femminile élite con Elisa Balsamo. Un successo che in questa gara mancava da dieci anni (il bis di Giorgia Bronzini) e possibile grazie a una prova di squadra straordinaria, oltre i limiti della perfezione. Una tattica chiara fin da quando la corsa ha preso fuoco ed eseguita in maniera impeccabile, per mettere nel sacco le favoritissime olandesi. La formazione oranje si deve accontentare dell'argento con l'eterna Marianne Vos: per lei si tratta della sesta piazza d'onore in questa gara e il suo sguardo perso nel vuoto subito dopo il traguardo dice tutto. Bronzo alla polacca Katarzyna Niewiadoma.

Capolavoro Italia: Balsamo è campionessa del mondo, rivivi l'arrivo

La top 10

Mondiali
van Aert contro Evenepoel: "Ha parlato più in TV che nel bus"
01/10/2021 A 09:33
1. E. BALSAMO (ITA)3h52'27''
2. M. VOS (NED)st
3. K. NIEWIADOMA (POL)+1''
4. K. VAS (HUN)st
5. A. SIERRA (CUB)st
6. A. JACKSON (CAN)st
7. D. VOLLERING (NED)st
8. C. LUDWIG (DEN)st
9. L. BRENNAUER (GER)st
10. C. RIVERA (USA)st
Una storia mondiale che comincia a 60 chilometri dalla conclusione, dopo una prima parte decisamente tranquilla se non per le sortite della slovena Urška Bravec. Mentre i due tracciati si intrecciano, cominciano gli scatti di un certo peso. Ad esempio con Annemiek van Vleuten, che attacca a più riprese dove i muri impongono le pendenze più esigenti. Come lei la sudafricana Moolman-Pasio, le altre olandesi Demi Vollering ed Ellen van Dijk e la francese Aude Biannic. L'Italia chiude sempre, con rara prontezza: Elisa Longo Borghini, Maria Giulia Confalonieri e Marta Bastianelli sono delle guardie eccezionali ed è dura fare la differenza. Intanto la campionessa uscente Anna van der Breggen, all'ultima gara della carriera, si stacca col sorriso dopo aver lavorato per le compagne.

Balsamo: "Non ho parole, senza la squadra sarebbe stato impossibile"

I successi azzurri nella prova in linea iridata

2021E. BALSAMO
2011G. BRONZINI
2010G. BRONZINI
2009T. GUDERZO
2007M. BASTIANELLI
1997A. CAPPELLOTTO
Siamo al dunque e dal gruppo riesce finalmente ad allungare un'atleta: è la spagnola Mavi Garcia, che transita alla campana dell'ultimo giro con 16 secondi di margine, dopo averne avuti anche il doppio. Troppo poco, quando mancano 15 chilometri alla fine. Ai -10 il gruppo, o quel che ne resta, torna compatto. Riparte van Vleuten: una, due, tre volte. Longo Borghini chiude sempre. Cambiano le attrici, non il risultato. Attacca Niewiadoma, ricuce Confalonieri. E le azzurre sono sempre brave a rialzarsi dopo i forcing, permettendo alle altre di rientrare per non fare il gioco dell'Olanda. Si decide tutto allo sprint, che l'Italia approccia in posizione ideale. Marta Cavalli lancia il trenino azzurro. Balsamo crea un buco per Longo Borghini, poi si riporta sulla ruota della compagna di squadra insieme a Vos. Longo Borghini tira la volata alla compagna di squadra, che parte lunga. Vos insegue, la affianca ma non passa: Balsamo resiste ed è la nuova campionessa del mondo. Che meraviglia.

Da Ganna a Baroncini: è ancora Inno di Mameli in Belgio

Mondiali
Evenepoel attacca: "Sarei potuto diventare campione del mondo"
30/09/2021 A 12:06
Mondiali
Van der Poel versione cestista! Borraccia lanciata e "canestro" sfiorato
27/09/2021 A 19:49