Prima tappa dura della Parigi-Nizza 2021 e primo successo stagionale per Primoz Roglic (Jumbo-Visma). Il fuoriclasse sloveno ha vinto la Chalon-sur-Saône-Chiroubles staccando tutti sull’erta finale. Al secondo posto, a 12″ dal vincitore, si è piazzato il campione uscente Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), mentre sul gradino più basso del podio troviamo Guillaume Martin (Cofidis). Roglic, ovviamente, è anche il nuovo leader della classifica generale. La tappa si è accesa a 22 chilometri dall’arrivo, sul Mont Brouilly, con una fiammata del belga Laurens De Plus (Ineos) che ha messo in fila il gruppo. Quest’accelerazione è stata fatale alla maglia gialla Bissegger, il quale ha perso contatto. In seguito, i corridori della Jumbo-Visma hanno dato continuità all’azione di De Plus, tenendo un ritmo altissimo che ha frantumato il gruppo.
Sulla successiva discesa, Tao Geoghegan Hart (Ineos) è finito a terra portando con sé anche David Gaudu (Groupama-FDJ). Il francese non si è fatto nulla, ma si è trovato a dover inseguire il gruppo di testa. Il britannico, invece, si è fatto male alla mano destra. La Jumbo-Visma ha rallentato il ritmo per permettere a Gaudu di tornare sotto, ma questo ha favorito gli scatti in gruppo con Remi Cavagna (Deceuninck-Quick Step) e Luis Leon Sanchez (Astana) che si sono avvantaggiati.
Ciclismo
Primoz Roglic, calendario e risultati della stagione 2021
17/02/2021 A 14:07
Gaudu è riuscito a rientrare a 11 chilometri dal traguardo. Una volta iniziata l’erta finale, Cavagna ha avuto un problema al cambio e Luis Leon Sanchez è rimasto solo all’inseguimento dell’ultimo fuggitivo di giornata, vale a dire il transalpino Julien Bernard (Trek-Segafredo). In gruppo, nel frattempo, Steven Kruijswijk e George Bennett hanno iniziato a fare il forcing in favore di Primoz Roglic.
Il primo scatto, nel gruppo dei favoriti, lo ha portato il transalpino Quentin Pacher (B&B Hotel), ma i favoriti hanno tutti risposto bene. Nel frattempo, al comando, Sanchez ha ripreso Bernard e, in seguito, lo ha staccato. Ai -3, però, Roglic ha rotto gli indugi. Lo sloveno ha fatto uno scatto per passare in testa al traguardo volante, ma gli avversari sono stati colti di sopresa e Primoz, una volta staccati gli altri, ha tirato dritto e si è presentato a braccia alzate all’arrivo.

Primoz Roglic è tornato: buon 3° posto nella crono di Gien

Tokyo 2020
Sia Roglic che Pogacar a Tokyo: Roglic farà anche la crono
08/07/2021 A 03:47
Tour de France
Sfida Pogacar-Roglic sul filo dei secondi: volata per gli abbuoni
27/06/2021 A 21:32