Sonny Colbrelli continua a scalare posizioni nel ranking UCI, la classifica stilata settimanalmente dall’Unione Ciclistica Internazionale. Il bresciano, che nove giorni fa ha conquistato la Parigi-Roubaix, recupera un’altra posizione in graduatoria e ora è superlativo sesto con 2553 punti, in scia al colombiano Egan Bernal (2576 per il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia). Entrambi hanno scavalcato l’olandese Mathieu van der Poel, scivolato in settima piazza (2461).
La fabbrica è stata la mia salvezza. Prima le maniglie, dove lavorava papà, poi i tubi: alle 6 del mattino li tiravo fuori dal forno e li caricavo sui camion. Finito il turno via in bici ad allenarmi: un paradiso, in confronto. A 17 anni ho detto a mio padre: scegli tra la tuta da operaio e quella da corridore. E lui: vai pure in bicicletta. [Sonny Colbrelli, Corriere della Sera ]
Restano invariate le prime quattro posizioni. Lo sloveno Tadej Pogacar, fresco trionfatore al Giro di Lombardia, è saldamente in prima piazza con 5353 punti (ha vinto anche il Tour de France e la Liegi-Bastogne-Liegi). L’alfiere della UAE Emirates chiuderà la stagione da numero 1 al mondo, davanti al belga Wout van Aert (4382) e al connazionale Primoz Roglic (3924 per il vincitore della Vuelta di Spagna e della medaglia d’oro nella cronometro delle Olimpiadi di Tokyo 2020). Appena giù dal podio il francese Julian Alaphilippe (3104,67 punti per il Campione del Mondo). Il britannico Adam Yates entra di prepotenza in top-10: recupera quattro posizioni ed è ottavo davanti al portoghese Joao Almeida e all’ecuadoriano Richard Carapaz.
Ronde van Drenthe
Dal ciottolato alla volata delle italiane, ma vince Wiebes: gli highlights
4 ORE FA
Giacomo Nizzolo recupera ben 14 posizioni grazie al secondo posto al Gran Piemonte e risale in 21ma piazza, mentre Matteo Trentin ne recupera otto e ora si trova 25mo. Damiano Caruso 36° (-1 rispetto a settimana scorsa per il secondo classificato al Giro d’Italia), mentre Fausto Masnada compie un balzo superlativo: grazie al secondo posto al Giro di Lombardia rimonta 54 posizioni e ora è 47mo! Diego Ulissi 48mo (-10), Filippo Ganna 54mo (-2), Gianni Moscon 75mo (-2), Alessandro Covi 91mo (+15, ha vinto il Trittico Lombardo ma i punti della Agostoni entreranno settimana prossima), Elia Viviani 93mo (-4), Lorenzo Rota 95mo (+5). Scivolone di Vincenzo Nibali, che perde 27 posizioni e ore è 131mo.
Ai meno 3 km dal traguardo della Roubaix, ho accarezzato il taschino dove tengo la foto scolorita di mio nonno e ho guardato il cielo. Mi veniva a prendere a scuola, mi portava in pista a Dalmine, con la pensione mi comprava barrette, gel, pezzi di ricambio. Sognava di vedermi professionista, se n’è andato in due settimane per un tumore. Spero di averlo ricambiato [Sonny Colbrelli, Corriere della Sera]
L’Italia resta al quarto posto della classifica per Nazioni con 10.651 punti, alle spalle della Francia (11.536,67) che ha subito il sorpasso da parte della Slovenia (11.983). Il Belgio chiuderà l’annata al comando (14.289,33). Di seguito i ranking UCI di ciclismo aggiornati a martedì 12 ottobre (prossima revisione tra sette giorni esatti). Ci aspetta una settimana con Coppa Agostoni (disputata ieri), Giro del Veneto, Veneto Classic, Cronometro delle Nazioni e altre corse minori in Francia. Mancano soltanto due settimane alla conclusione naturale della stagione ciclistica.

Ranking Individuale

1. Tadej Pogacar (Slovenia) 5.353
2. Wout van Aert (Belgio) 4.382
3. Primoz Roglic (Slovenia) 3.924
4. Julian Alaphilippe (Francia) 3.104.67
5. Egan Bernal (Colombia) 2.576
6. Sonny Colbrelli (Italia) 2.553
7. Mathieu van der Poel (Paesi Bassi) 2.461
8. Adam Yates (Gran Bretagna) 2.251
9. Joao Almeida (Portogallo) 2.219
10. Richard Carapaz (Ecuador) 2.018

Ranking per Nazioni

1. Belgio 14.289,33
2. Slovenia 11.983
3. Francia 11.536,67
4. Italia 10.651
5. Gran Bretagna 9.842,6
6. Paesi Bassi 9.808,66
7. Spagna 7.979
8. Danimarca 7.911,6
9. Australia 7.001,66
10. Colombia 6.794
Foto: Lapresse
Ronde van Drenthe
Che sfortuna per Eleonora Gasparrini: crampi prima della volata
4 ORE FA
Ronde van Drenthe
Che botta contro l'asfalto: brutta caduta per Laura Tomasi
4 ORE FA