Premium
Ciclismo

Prova su strada | Uomini

07:45:22

Replica

Carapaz oro! Podio Van Aert e Pogacar

Richard Carapaz è nella storia! Che numero. che vittoria, indimenticabile per lui! Straordinario! Van Aert vince la volata per l'argento, bronzo a Pogacar! Che finale, che gara! Completano la top 10 Mollema, Woods, McNulty, Gaudu, Uran. A. Yates, Schachmann. Bettiol migliore degli italiani, 14esimo.
Tokyo 2020
Il ciclismo su strada a Tokyo 2020: gare, percorso e calendario
10/03/2020 A 15:04

-1 km: passerella Carapaz!

È fatta, Richard Carapaz non lo prende più nessuno!

-2 km: Carapaz vola, oro in vista!

Più di 30 secondi per Carapaz, a un passo da un oro storico!

-4 km: Carapaz ha 20 secondi

Venti secondi per Richard Carapaz, che ovviamente è a tutta! Siamo dentro il circuito!

-5 km: McNulty ripreso

Non ce la fa più Brandon McNulty. Tornano in gioco almeno due medaglie.

-6 km: Carapaz se ne va!

Tratto al 10% e Carapaz saluta McNulty! L'ecuadoriano si invola, attenzione!

-7 km: 13 secondi

Gli otto all'inseguimento (Pogacar, Van Aert, Uran, Mollema, Schachmann, Woods, Gaudu e Yates) hanno 13 secondi da Carapaz e McNulty. Tutto apertissimo.

-9 km: 15 secondi per i battistrada!

Il lavoro di Van Aert ha più che dimezzato il vantaggio di Carapaz e McNulty, che ora hanno solo 15 secondi. Pazzesco il belga, PAZ-ZE-SCO!

-10 km: ancora Van Aert!

Ancora strepitoso Wout Van Aert! Il belga rilancia su un tratto di salita e mangia 10 secondi in un amen ai due di testa. Gli altri faticano a stargli dietro.

-14 km: Crampi Bettiol! Che peccato...

Noooooooo! Crampi per Alberto Bettiol! Che peccato... finisce il sogno azzurro di una medaglia.

-16 km: aumenta il vantaggio!

40 secondi! 40! McNulty e Carapaz si avvicinano al traguardo e il loro vantaggio lievita.

-19 km: Van Aert ancora a inseguire

Sempre Wout Van Aert a condurre l'inseguimento dei due, che hanno sempre 20 secondi di margine. Finale tutto da vivere.

-23 km: 20 secondi per McNulty e Carapaz

Prendono un buon margine Brandon McNulty e Richard Carapaz, nessuno risponde. Rifiatano Van Aert e McNulty. Occhio.

-25 km: attacchi continui

Ripreso Fuglsang da Van Aert e poi tutti gli altri. Ora attaccano McNulty e Carapaz. Bettiol sornione in questa fase.

-26 km: attacco di Fuglsang

L'argento di Rio Jakob Fuglsang prova la fagianata in questo tratto vallonato! Nessuno risponde subito, vediamo chi va a chiudere. Attenzione.

-29 km: Tutti contro Van Aert

Si susseguono gli scatti ora, con Van Aert che deve chiudere su ogni attacco. Anche Pogacar gli dà una mano. Partita a scacchi, sono tutti da soli come nazionalità.

-33 km: salita finita

Woods attacca sul finire della salita e passa per primo al GPM. Ma non fa la differenza. Ora discesa, dovrebbero essere questi uomini a giocarsi le medaglie.

-33 km: rientra Van Aert

I sette non riescono a staccare Van Aert, che rientra con Gaudu, Fuglsang, Schachmann, Adam Yates e Mollema.

-34 km: in sette in testa

Pogacar, McNulty, Woods, Bettiol, Carapaz, Kwiatkowski e ora anche Uran. Sono in sette in testa ora. Non è finita, ma non c'è Van Aert!

-34 km: Van Aert fatica un po', Bettiol rientra su Pogacar!

Carapaz e Kwiatkowski chiudono su Pogacar, rientra anche Bettiol! Dai così! E Van Aert fatica!

-36 km: 15 secondi per il gruppo Pogacar, si stacca Roglic

I tre di testa hanno 15 secondi sul gruppo Bettiol, dove c'è anche Moscon. Van Aert fa l'andatura per chiudere, tratto durssimo! Siamo oltre il 20%.

-36 km: attacca Pogacar!

Tadej Pogacar all'attacco! Lo sloveno vuole prendersi tutto! Woods (Canada) e McNulty (Stati Uniti) provano a tenere, poco dietro un gruppetto con Bettiol, Van Aert, Carapaz, Schachmann, Adam Yates, Uran, Kwiatkowski.

-38 km: si staccano Nibali e Ciccone

Dopo aver lavorato si staccano Vincenzo Nibali e Giulio Ciccone. Bettiol là davanti, Moscon e Caruso dovrebbero esserci ancora. Saranno rimasti in 25.

-39 km: comincia la salita!

Siamo al dunque, c'è il Mikuni Pass! Salita di 6,8 km al 10,1%, la più dura di oggi. Bettiol alla ruota di Van Aert, si spacca il gruppo. Belgio in testa.

-43 km: attacco di gruppo per l'Italia!

Tutti e cinque in testa, pronti a sorprendere in questo tratto molto veloce: che grinta l'Italia! Vediamo se qualcuno si stacca, c'era un po' di vento in questa parte e gli azzurri ci hanno provato. Sta per arrivare la salita più dura di giornata.

-45 km: ripresa anche la fuga

Finisce dopo quasi 200 km la fuga di giornata. Bravi loro.

-47 km: Ripreso il gruppo Nibali

Il gruppo dei favoriti rientra su Nibali ed Evenepoel. Francia in testa ora.

-49 km: 15 secondi per Nibali-Evenepoel e Dunbar

Hanno circa 15 secondi Nibali, Evenepoel e Dunbar sul gruppo. Dietro provano a partire altri corridori, mentre sta per spegnersi la fuga.

-52 km: si muovono in tanti, anche Evenepoel!

Ripreso Caruso e parte Evenepoel! Dunbar (Irlanda) e Nibali chiudono sul belga! Intanto il vantaggio dei fuggitivi è sotto al minuto.

-53 km: Caruso allunga con altri due

Damiano Caruso, Mauri Vansevenant (Belgio), Wilco Kelderman (Olanda) allungano sul gruppo. Che però è lì, anche perchè il belga non tira.

-54 km: Attacca Caruso!

Ciccone si porta in testa, poi parte Damiano Caruso! L'Italia si fa vedere! Ripreso una volta, il siciliano ci riprova, con Vansevenant che va a chiudere.

-57 km: altra caduta in gruppo, si ritira Thomas

Un'altra caduta in gruppo, coinvolto anche lo sloveno Jan Polanc. Intanto si ritira Geraint Thomas, finito a terra nella prima parte di gara.

-60 km: corsa sul traguardo

I fuggitivi - e poco dopo il gruppo - transitano sul traguardo, posto all'interno dell'autodromo. Due giri alla fine.

-67 km: i fuggitivi insistono

Continua la collaborazione dei cinque fuggitivi: Juraj Sagan (Slovacchia) Nicholas Dlamini (Sudafrica), Polychronis Tzortzakis (Grecia), Orluis Aular (Venezuela), Michael Kukrle (Repubblica Ceca). Quattro minuti il loro vantaggio mentre stanno entrando nel circuito finale.

-73 km: Ciccone all'ammiraglia, rientra Valverde

Problema al cambio per Giulio Ciccone, che però non ha problemi a rientrare. L'abruzzese ha i pantaloncini strappati dopo la caduta di un paio d'ore fa. Rientra anche Valverde, che ha beneficiato della discesa.
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!

-76 km: di nuovo Tratnik in testa

Tratto di gara molto veloce, con Jan Tratnik che torna a fare l'andatura per la Slovenia. Quattro minuti il ritardo dalla testa.

-85 km: passato il Fuji

Siamo di nuovo in discesa, con vantaggio dei cinque di testa che è sceso a cinque minuti. Ora il gruppo può gestire, dopo essere finito anche oltre i venti minuti di ritardo nella prima parte di corsa.

-91 km: si stacca Valverde!

Alejandro Valverde perde malamente le ruote del gruppo! Lo spagnolo sembra guardare il cambio, ma il vero problema è che ha finito la benzina. Esce di scena un nome pesante, la Spagna resta con gli Izagirre e Herrada.

-94 km: Ciccone in testa al gruppo!

Ecco l'Italia! Giulio Ciccone si porta in testa al gruppo ad aumentare il ritmo, gruppo allungatissimo! Bene anche gli altri azzurri, che sono tutti lì.

-96 km: andatura forte sul Fuji

Tratnik continua a fare il forcing nel gruppo dei big, che perde sempre più unità (tra gli altri si stacca anche Fraile). Davanti anche Caruso, Bettiol e Nibali. Il vantaggio dei cinque è sceso a 8 minuti.

-100 km: si screma il gruppo

Anche il gruppo è sul Fuji e tanti corridori cominciano a perdere contatto. Il distacco dalla testa è di 11 minuti.
LA STARTLIST UFFICIALE

-106 km: l'Italia guadagna posizioni

La Nazionale azzurra comincia a farsi vedere nelle posizioni avanzate del gruppo.

-107 km: Inizia il Fuji Sanroku

Sagan, Dlamini, Tzortzakis, Aular e Kukrle cominciano l'ascesa del Fuji Sanroku (scollinamento a 1451 metri): salita di 14,5 km al 6%.

-110 km: Tante nuvole sulla corsa

Nuvoloni neri minacciano ora la corsa. Tredici minuti abbondanti per i cinque di testa, dietro tira sempre un encomiabile Greg Van Avermaet. Che, ricordiamolo, è l'ultimo campione di questa gara.

-121 km: Martin cambia bici

Guillaume Martin costretto a cambiare bici e a inseguire in questo tratto di discesa. Intanto Asadov viene ripreso dal gruppo. Si avvicina il Monte Fuji.

-126 km: tutto il Belgio dietro a Tratnik

Jan Tratnik sempre in testa al gruppo, ora dietro di lui c'è tutto il Belgio, Van Aert ed Evenepoel compresi. 15 minuti e mezzo il ritardo dalla testa della corsa.

-131 km: Italia al coperto

Il quintetto azzurro è sempre nella pancia del gruppo, finora l'unico imprevisto è stata la caduta - senza conseguenze - di Giulio Ciccone.
CASSANI AMMETTE: "NON SIAMO I FAVORITI, MA LA NOSTRA FORZA È LA COESIONE"

-136 km: vantaggio sempre alto

Scende, ma non troppo il vantaggio dei cinque reduci della fuga di giornata. Siamo sui 16 minuti. Dietro sempre Belgio e Slovenia a fare l'andatura.
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!

-145 km: davanti restano in 5

Grosu e Daumont si staccano, davanti restano Juraj Sagan (Slovacchia) Nicholas Dlamini (Sudafrica), Polychronis Tzortzakis (Grecia), Orluis Aular (Venezuela), Michael Kukrle (Repubblica Ceca).

-147 km: secondo GPM

I fuggitivi sono in prossimità del Kagosaka Pass (scollinamento a 1111 metri), salita di 2,2 km al 4,7%.

-149 km: comincia a scendere il vantaggio dei fuggitivi

Ancora Van Avermaet, poi Slovenia e a ruota la Polonia. Il vantaggio degli attaccanti comincia a scendere, siamo intorno ai 17 minuti.

-155 km: caduta in gruppo! Coinvolto Ciccone

Caduta in gruppo! Finiscono a terra sulla destra della strada una decina di corridori, tra questi Giulio Ciccone, Geraint Thomas e Tao Geoghegan Hart. Rallenta anche Nairo Quintana Non sembrano esserci gravi conseguenze, anche se il gallese ha un bello strappo sul body.

-157 km: 20 minuti per la fuga

Il lavoro della Slovenia non sta dando i suoi frutti per ora. Il vantaggio dei sette attaccanti ha scollinato i 20 minuti. Dovranno faticare per ricucire il gap.

-160 km: c'è il primo GPM

I fuggitivi sono in prossimità dell'attacco al primo GPM ufficiale di giornata: Doushi Road (cima a 1121 metri), salita di 4,3 km al 6,1%.

-164 km: davanti restano in 7

Asadov ha perso le ruote dei compagni di fuga e davanti restano in sette.

-168 km: Slovenia e Francia in testa

Il gruppo ora comincia a destarsi. Pogacar piazza Tratnik in testa e Polanc a ruota, anche la Francia si porta là davanti. Si inizia a pedalare sul serio.

Gruppo quasi fermo

Andatura "turistica" per il gruppo, con gli otto di testa che ora hanno 17 minuti di vantaggio. Ricordiamo la composizione della fuga: Juraj Sagan (Slovacchia), Nicholas Dlamini (Sudafrica), Polychronis Tzortzakis (Grecia), Elchin Asadov (Azerbaijan), Paul Daumont (Burkina Faso), Eduard Michael Grosu (Romania), Orluis Aular (Venezuela), Michael Kukrle (Repubblica Ceca).
NIBALI SUL CLIMA DI TOKYO: “SEMBRA DI FARE UN BAGNO TURCO”

De Lange parte dal gruppo

Dopo aver tirato per un po' il gruppo, il namibiano De Lange si mette in proprio e allunga in questo tratto di salita. Grande andirivieni dei corridori verso le ammiraglie, il caldo costringe a bere molto. 172 km alla fine.

Si comincia a salire

Non siamo ancora al primo dei cinque GPM ufficiali di questa giornata, ma la strada comincia già a salire. Percorso davvero tosto da qui in poi.

Situazione tranquilla

C'è il namibiano Tristan de Lange in testa al gruppo dei migliori. Situazione di nuovo tranquilla, i fuggitivi tornano ad avere otto minuti di margine. Nel frattempo Tadej Pogacar rientra in gruppo dopo essersi fermato un attimo. Sorride il vincitore degli ultimi due Tour de France. 180 km al traguardo.

Pogacar scatta in faccia a Carapaz e Vingegaard: rivivi la vittoria

Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!

C'è il pubblico

Sul percorso affrontato finora si vedono diversi tifosi, mentre nel circuito del Monte Fuji che verrà affrontato nel finale sono autorizzati 10.000 spettatori su una capienza di 20.000.

Rallenta il gruppo

Van Aert si porta in testa per "invitare" Van Avermaet a rallentare un po' l'azione. C'è anche Tom Dumoulin là davanti, che sorride al belga. E ora il gruppo si rialza, si stava andando troppo forte.

Asfalto bagnato

Gli otto di testa incontrano un tratto di strada umido, segno che è da poco passata la pioggia. Qualche scroscio d'acqua è previsto in giornata. 195 km al traguardo, gruppo dei favoriti a 7 minuti.
MOSCON: “PERCORSO DELLE OLIMPIADI DURO, DOVRÒ SCEGLIERE IL MOMENTO GIUSTO”

L'albo d'oro recente

2016 - Greg Van Avermaet (Belgio)
2012 - Aleksandr Vinokourov (Kazakhstan)
2008 - Samuel Sanchez (Spagna)
2004 - Paolo Bettini (Italia)
2000 - Jan Ullrich (Germania)
1996 - Pascal Richard (Svizzera)
1992 - Fabio Casartelli (Italia)

Van Avermaet lavora

Greg Van Avermaet è l'ultimo campione olimpico in questa gara, ma oggi ha compiti di gregario nel suo Belgio. E infatti si mette in testa al gruppo, a provare a tenere un'andatura regolare.

Situazione interlocutoria

La fuga ha già preso otto minuti di margine. Il gruppo procede con calma, nessuno degli attaccanti spaventa i grandi favoriti. Certo, con le squadre così ridotte come numero non si può concedere troppo spazio a nessuno. E occhio al caldo, un fattore da non sottovalutare. 212 km al traguardo.

I fuggitivi

Sono questi gli otto attaccanti: Juraj Sagan (Slovacchia), Nicholas Dlamini (Sudafrica), Polychronis Tzortzakis (Grecia), Elchin Asadov (Azerbaijan), Paul Daumont (Burkina Faso), Eduard Michael Grosu (Romania), Orluis Aular (Venezuela), Michael Kukrle (Repubblica Ceca).

Si parte! Subito degli scatti

Dopo un lungo tratto di trasferimento la corsa parte ufficialmente! Subito numerosi attacchi. C'è anche Juraj Sagan, a breve vi daremo la composizione dei gruppetto dei battistrada.

L'Italia

In virtù del ranking, l'Italia può portare il massimo contingente possibile alle Olimpiadi di Tokyo: cinque. I convocati di Davide Cassani sono questi: Vincenzo Nibali, Damiano Caruso, Giulio Ciccone, Alberto Bettiol e Gianni Moscon. Non una vera punta, ma una squadra che può colpire con ognuno dei suoi componenti.

I favoriti

Le squadre da battere sono Belgio e Slovenia, che vantano due corridori usciti alla grandissima dall'ultimo Tour de France: Wout Van Aert e Tadej Pogacar. Ma la concorrenza è ovviamente altissima. Col vincitore dell'ultima Grande Boucle c'è anche Primoz Roglic ad esempio, con Van Aert c'è Remco Evenepoel. E poi David Gaudu (Francia), Alexey Lutsenko (Kazakhstan), Maximilian Schachmann (Germania), l'eterno Alejandro Valverde (Spagna), Michael Woods (Canada), i fratelli Yates (Gran Bretagna), Aleksandr Vlasov (Russia), Michal Kwiatkowski (Polonia). Per citarne alcuni.
LA STARTLIST COMPLETA

Il percorso

Una prova molto dura, dunque: 238 km e 4865 metri di dislivello. Queste le salite in programma: al km 80,5 Doushi Road (1121 metri): salita di 4,3 km al 6,1%; all km 96,5 Kagosaka Pass (1111 metri): salita di 2,2 km al 4,7%; al km 139,2 Fuji Sanroku (1451 metri): salita di 14,5 km al 6%; al km 201 Mikuni Pass (1171 metri): salita di 6,8 km al 10,1%; al km 212,7 Kagosaka Pass (1111 metri): salita di 2,2 km al 4,7%.
QUI IL PERCORSO COMPLETO
Il medagliere | Il calendario completo | Gli Azzurri

Ciclismo subito protagonista! C'è la prova in linea maschile

Buongiorno amici mattinieri di Eurosport e benvenuti alla diretta scritta della prova in linea maschile di ciclismo su strada a Tokyo 2020! Primo giorno ufficiale di gare e subito un appuntamento da non perdere per gli amanti delle due ruote. Si corre sul selettivo percorso intorno al Monte Fuji.
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!

SPORT EXPLAINER: Ciclismo su strada

Tokyo 2020
Ganna punta ora alla Parigi-Roubaix: "Non mi fermo qui"
08/08/2021 A 17:47
Tokyo 2020
L'inseguimento viaggia veloce: uomini e donne vedono le medaglie
02/08/2021 A 09:44