Ciclismo
Tour de France

Il Tour de France a porte aperte, Prudhomme: “Ma niente baci e abbracci alle premiazioni"

Condividi con
Copia
Condividi questo articolo

Tour de France 2017 Stage 16 | Cycling | ESP Player Feature

Credit Foto Getty Images

DaOAsport
25/06/2020 A 09:31 | Aggiornato 25/06/2020 A 09:31

Dal nostro partner OAsport.it

Nonostante le molteplici difficoltà, l’organizzazione del Tour de France 2020 sta proseguendo, almeno sottotraccia. Il direttore della Grand Boucle, Christian Prudhomme, deve valutare ogni minima situazione dato che l’emergenza sanitaria globale non permette di sottostimare davvero nulla. A due mesi dal via ufficiale sembra che le prime linee guida siano state tracciate, come spiega lo stesso numero uno della corsa a tappe più celebre del mondo.

Innanzitutto il periodo nel quale si correrà la gara francese sarà una vera e propria prima volta, come riporta Tuttobiciweb.

Tour de France

Tour 2020: la UAE Emirates convoca Aru e Formolo, saranno al fianco del talento Pogacar

26/06/2020 A 16:48
Vivremo un Tour de France unico, dato che non è mai partito così tardi. In teoria, rispetto al solito, sarà meno caldo e probabilmente ci sarà più vento. Sappiamo che ci sarà anche meno gente sulle strade, ma l’importante è che si torni a vivere una festa. Naturalmente nel rispetto delle misure sanitarie.

Anche se la prima tappa è ormai all’orizzonte, Prudhomme ammette che non tutto è ancora stato deciso e il tempo inizia a stringere: “La situazione cambia di giorno in giorno, per questo i dettagli li definiremo nel periodo a cavallo tra la fine del mese di luglio ed inizio agosto. Quello che possiamo dire è che sarà una gara alla quale, più che mai, parteciperanno i migliori ciclisti del mondo”.

Il coronavirus ha stravolto il mondo intero e le nostre abitudini. Di conseguenza anche lo sport si è dovuto adeguare, e così sarà anche pensando alla Grand Boucle. “Per quel che riguarda la carovana avremo un centinaio di veicoli, circa il sessanta per cento in meno rispetto agli anni precedenti. La crisi economica sta colpendo duramente diversi settori ed i tagli al marketing sono inevitabili. Cambieranno le cose ovviamente per cerimoniale e dopo corsa".

Sono previsti infatti cambiamenti importanti:

Non ci saranno certamente baci o abbracci durante le cerimonie di premiazione e sappiamo che non sarà l’anno migliore per andare a caccia di autografi. Il pubblico verrà al Tour, certo, ma probabilmente saremo costretti a fare una selezione rigorosa. In montagna ad esempio daremo la precedenza a coloro che arriveranno a piedi, in bicicletta oppure con i mezzi pubblici. Ma, ripeto, la situazione cambia di giorno in giorno e oggi non sappiano quello che succederà tra due mesi.

alessandro.passanti@oasport.it

Back to 2009: Contador ci mostra le biciclette con cui ha vinto il suo secondo Tour de France

00:03:11

Tour de France

Nairo Quintana, a luglio il ritorno in Europa: annunciato il programma in vista del Tour de France

30/05/2020 A 13:12
Tour de France

Firenze si candida per il Tour de France, Nardella: "Vorremo ospitare la prima tappa"

27/05/2020 A 13:17
Contenuti correlati
CiclismoTour de France
Condividi con
Copia
Condividi questo articolo