Non l'abbiamo scritto nel titolo, ma lo mettiamo qui: CLAMOROSO! Clamoroso Wout van Aert che non si prende una pausa e, poco più di 24 ore dopo il successo nella crono di Saint-Émilion, il belga vince anche la volata sugli Champs-Élysées che chiude questo Tour 2021. Dicevamo di un Pogacar Cannibale qualche giorno fa, ma che dire di van Aert che dalla seconda settimana in poi ha vinto la tappa del doppio Mont Ventoux (alta montagna), una cronometro, e una volata di gruppo. Contro velocisti del calibro di Cavendish, Matthews, Mezgec, Philipsen, Greipel ecc. In pochi possono dire di aver fatto lo stesso nella stessa edizione del Tour (Bernard Hinault?). Insomma, è un van Aert già in formato Tokyo. E dire che la prima settimana non era andata tanto bene per il campione nazionale belga, che era stato sconfitto sia da Alaphilippe che da van der Poel nelle prime due tappe da 'Classiche' che sembravano fatte apposta per lui. Si è ripreso tutto con gli interesse. E ora? E ora proverà a conquistare la medaglia d'oro a Tokyo, sia nella prova in linea che nella prova a cronometro. Solo 3° invece Mark Cavendish, anche se la sua preparazione della volata non è stata delle più semplici. Prima dell'ultimo giro ha perso Davide Ballerini per una foratura (il suo penultimo uomo), e a -1km si è perso Morkov. Non sarà sorpasso su Eddy Merckx, ma può comunque festeggiare. La maglia verde è sua. Applauso poi a tutti quelli che sono saliti sul podio da Pogacar (maglia gialla, maglia bianca e maglia a pois) a Franck Bonnamour eletto supercombattivo. Bravi anche Vingegaard e Carapaz, 2° e 3° della generale, primi terrestri dopo l'extraterrestre Pogacar.

Van Aert pigliatutto! Cavendish si inchina a Parigi, rivivi l'arrivo

L'ordine d'arrivo

Tour de France
Tour de France: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
27/06/2021 A 00:54
CorridoreTempo
1. Wout van Aert2h39'37''
2. Jasper Philipsenst
3. Mark Cavendishst
4. Luka Mezgecst
5. André Greipelst
6. Danny van Poppelst
7. Michael Matthewsst
8. Alex Aranburust
9. Cyril Barthest
10. Max Walscheidst
11. Daniel Ossst
13. Sonny Colbrellist

Pogacar re del Tour, la festa del podio con Vingegaard e Carapaz

Classifiche e risultati

| Classifica generale | Ritiri e squalificati | L'Albo d'oro del Tour |
CHI POTEVA BATTERE POGACAR IN QUESTO TOUR?

3 in fuga: Cavendish batte Matthews al traguardo volante

In avvio di corsa è festa grande per Tadej Pogacar, che festeggia al fianco dei suoi compagni di squadra, oggi in maglia speciale. Brindisi e sorrisi anche con i suoi connazionali Luka Mezgec e Matej Mohoric. Pogacar ha anche il tempo di salutare il suo grande avversario, ma anche grande amico, Primoz Roglic, con il corridore dell'UAE Emirates che mostra in camera il dorsale numero 11, quello portato da Roglic fino al ritiro prima della tappa di Tignes. È corsa vera una volta entrati nel circuito cittadino (percorso di 7 km da ripetere 8 volte). Ecco che si forma subito una fuga composta da Bissegger (Education Nippo), Sweeny (Lotto Soudal) e Casper Pedersen (DSM), raggiunti da Konrad (Bora Hansgrohe). Dopo il primo giro si rialza però Pedersen per dare manforte a Cees Bol direttamente in gruppo. Siamo in prossimità del traguardo volante: passa Bissegger con i compagni di fuga, dietro si gioca per il 4° posto con Cavendish che batte facilmente Matthews che viene messo ko anche da Morkov. Sono così 37 i punti di vantaggio per il britannico in ottica maglia verde.

Beffa per Cavendish: vince van Aert

Bissegger, Sweeny e Konrad vengono ripresi e allora si sgancia un altro terzetto composto da Schelling, Valgren e Van Moer che prendono subito un margine di 20'' sul gruppo maglia gialla, sempre guidato dalla Deceuninck Quick Step. I tre di testa vengono ripresi all'altezza dell'ultimo giro, mentre Cavendish perde il suo penultimo uomo, con Ballerini vittima di una foratura. Di km in km rimontano tutti i treni: c'è quello della Israel per Greipel, quello della DSM per Bol, quello della Alpecin Fenix per Philipsen e, soprattutto, quello della BikeExchange per Michael Matthews. All'altezza dell'ultimo km Cavendish perde le ruote del suo ultimo uomo, Morkov, e deve fare tutto da solo, con il britannico che battezza così la ruota di van Aert lanciato da Teunissen. Ecco che parte il belga a 200 metri dal traguardo, senza che Cavendish riesca a rimontare. A vincere è così van Aert che supera Philipsen, con Cavendish addirittura 3°. Matthews arriverà 7°, e per Cannoball - almeno - la gioia di aver vinto la maglia verde di leader della classifica a punti che non conquistava dal 2011.
CHI È PIÙ FORTE TRA I DUE?

La classifica a punti

CorridorePunti
1. Mark Cavendish337 punti
2. Michael Matthews291 punti
3. Sonny Colbrelli227 punti
4. Jasper Philipsen216 punti
5. Wout van Aert171 punti

Maxi caduta al Tour! Strike clamoroso per colpa di una "tifosa"

Tour de France
L'Albo d'oro del Tour de France: tutti i vincitori dal 1903 al 2021
14/06/2021 A 13:11
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53