C'erano voluti 911 giorni per tornare al successo, ne bastano solo due per allungare il momento felice. Dopo il successo di Innsbruck, Gianni Moscon concede uno splendido bis e vince anche la terza tappa del Tour of the Alps, domando Felix Grossschartner e gli altri reduci della fuga di giornata sul traguardo di Naturno. Un successo di potenza, dopo esser stato sempre protagonista dell'azione di giornata. Il numero 10 della sua carriera da professionista. Simon Yates controlla la corsa e resta leader, ma c'è un uomo che guadagna su tutti gli altri big della generale: è Pello Bilbao, che saluta la compagnia sull'ultimo Gpm e mangia 48 secondi agli altri big. Ora è terzo in classifica.

Ancora Moscon, doppietta del trattore: rivivi la volata

L'ordine d'arrivo della terza tappa

Tour of the Alps
Froome è felice: "Sono stato in fuga, mi aiuterà nel futuro"
24/04/2021 A 19:57
1. G. MOSCON4h04'25''
2. F. GROSSSCHARTNERst
3. M. STORER+1''
4. M. FABBROst
5. A. DE MARCHIst
6. A. NIBALIst
7. F. BIDARDst
8. P. BILBAOst
9. L.L. SANCHEZst
10. H. PERNSTEINER+13''

La tappa

Dopo la sinfonia di Simon Yates, la corsa riparte con la frazione più lunga di questa edizione. “Solo” due i Gpm in programma, ma il percorso non dà mai tregua coi suoi 2950 metri di dislivello e strizza l’occhio agli amanti delle fughe. Nella prima fase, tra gli altri, ci prova anche Chris Froome, ma senza successo. Dopo un’ora di bagarre se ne vanno questi quindici: Mark Christian e Edward Ravasi (Eolo-Kometa), Matteo Fabbro e Felix Großschartner (Bora-hansgrohe), Hermann Pernsteiner (Bahrain-Victorious), François Bidard e Tony Gallopin (Ag2r-Citroen), Tejay Van Garderen (EF-Nippo), Harold Tejada e Luis Leon Sanchez (Astana), Reuben Thompson (Groupama-FDJ), Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), Michael Storer (Team DSM), Antonio Nibali (Trek-Segafredo), Gianni Moscon (Ineos Grenadiers).
La Bike-Exchange del leader non si fida e tiene la fuga sempre nell’ordine dei due minuti. Ad aiutare l’inseguimento, c’è anche la Bardiani di Enrico Battaglin, che può dire la sua nel finale. De Marchi scollina per primo sul lungo e agevole Passo Resia, dove la corsa passa dall’Austria all’Italia. Ma è sulla successiva erta, non classificata come Gpm, che si fa la prima differenza. Davanti cominciano a perdere contatto diversi corridori, mentre sembra aver una gran gamba Gianni Moscon. Nel tratto verso il secondo Gpm c'è qualche chilometro di apprensione per Pavel Sivakov, che complice una caduta rimane attardato insieme ad altri corridori. Ma il secondo della generale riesce a rientrare senza faticare troppo.
Sulla salita di Tarres, ecco i fuochi d'artificio. Pernsteiner attacca per primo, ma rimbalza e Moscon fa la differenza in contropiede. Solo Matteo Fabbro, prima, e Felix Grossschartner e Michael Storer poi riescono a riportarsi sul trentino. Dal gruppo Yates, invece, parte Pello Bilbao, che risucchia gli altri reduci della fuga. Dallo scollinamento al traguardo si crea una meravigliosa sfida a cronometro tra i quattro di testa e il plotoncino Bilbao, che mangia secondi ai battistrada in maniera inesorabile. "Molla", invece, il gruppo dei big. Si arriva alla flamme rouge con un buco di pochi metri tra i due gruppetti e ai -350 metri Moscon lancia una volata lunghissima. Solo Grossschartner lo sfida, ma l'azzurro regge fino alla linea bianca e può esultare.

La classifica generale

1. S. YATES10h52'10''
2. P. SIVAKOV+45''
3. P. BILBAO+1''04''
4. D. MARTINst
5. A. VLASOV+1'08
6. J. CEPEDAst
7. J. HINDLEY+1'27''
8. H. CARTHYst
9. R. GUERREIRO+1'52''
10. N. SCHULTZst

Rivivi la terza tappa (Contenuto premium)

Premium
Ciclismo

Tour of the Alps | 3a tappa

01:27:08

Replica
Tour of the Alps
Pinot e De Marchi in fuga, a Yates il Tour: gli highlights
23/04/2021 A 19:12
Tour of the Alps
Grossschartner ce la fa! Fuga in porto al terzo tentativo
23/04/2021 A 13:36