Valverde, Leipheimer, Evans. Sulla carta i 3 veri favoriti per la vittoria nel 60mo Giro del Delfinato, a St Paul en Jarez, nella crono di 31 km che di questo &lsquoDauphine rappresentava il quarto atto, è proprio questo l'ordine d'arrivo.
L'iberico della Caisse d'Epargne, più disteso sulla bici rispetto al passato, più cronoman come assetto complessivo, coglie il 2° successo in questo Giro del Delfinato (aveva vinto la 1° tappa sulla rampa di Privas). Vince con il tempo di 44 minuti e 59 secondi, stacca di 19 secondi Leipheimer (grande il suo recupero, su tutti, negli ultimi 15 km) e di 20 Cadel Evans.
I primi 3 di giornata sono anche, in questo stesso ordine, i primi 3 della classifica generale. Ove Valverde ha 23 secondi di margine su Leipheimer e 36 su Evans. Quarto, oltre il minuto di ritardo, il regolarista belga Monfort. Giornata di scarsa gloria per i colori italiani (siamo una dozzina e poco più, in Delfinato), il migliore Dario David Cioni, 25mo a 2'48” da Valverde.
Ciclismo
Squillo di Bennett, la prima tappa è sua
8 ORE FA
La 4° tappa è la Vienne-Annemasse, di 193 km. Con la temibile ascesa di La Saleve (7 km alla media del 9%, ma in pratica 5 km al 12%) giusto prima della planata verso Annegasse.
Parigi-Nizza
Richie Porte cade ed è costretto a ritirarsi
8 ORE FA
Parigi-Nizza
Bennett, volata perfetta: sua la prima maglia di leader
9 ORE FA