E' ufficiale: la Vuelta di Spagna 2020 non scatterà dai Paesi Bassi ma avrà "solo" 18 tappe e partirà da Irun-Arrate, nei Paesi Baschi. In mattinata è infatti arrivata la notizia secondo cui il Comitato organizzatore della Vuelta Holanda è stato costretto a cancellare la partenza ufficiale della gara a tappe dalle regioni di Utrecht e del Brabante Settentrionale a causa della pandemia da Coronavirus che ha rivoluzionato il calendario del ciclismo mondiale. La Vuelta sarebbe dovuta partire il 14 agosto e concludersi il 6 settembre a Madrid, ma è quasi certo che slitterà ad ottobre.

Vuelta di Spagna
Vuelta 2020, tappa 2: Pamplona-Lekunberri, percorso in 3D
UN' ORA FA

Queste le tre tappe cancellate nei Paesi Bassi:

  • Utrecht-Utrecht (23,3 km, cronosquadre)
  • ‘s-Hertogenbosch-Utrecht (181,6 km)
  • Breda-Breda (193,2 km)

Cancellate le prime tre tappe, ne restano 18: nel pomeriggio è infatti arrivata l'ufficialità secondo cui la Vuelta 2020 si correrà in formato ridotto, senza alcuna ulteriore modifica rispetto al percorso originale. Lo start sarà quindi da Irun-Arrate, nei Paesi Baschi, sede inizialmente della quarta frazione Irun-Arrate - Eibar di 169,5 km. Gli organizzatori hanno specificato che potrebbero far partire la Vuelta dall'Olanda nuovamente in futuro: la prima data utile sarebbe il 2022.

La spiegazione del Direttore Generale di Unipublic, Javier Guillén:

Avere la passione per il ciclismo che esiste nei Paesi Baschi sin dal primo giorno rende più piacevole questo cambio di programma. In ogni caso, speriamo solo che questa crisi sanitaria senza precedenti venga presto risolta, che tutti possiamo tornare alla normalità, compresa la Vuelta, che si tornerà nel 2021 con il suo formato tradizionale e la durata di 21 tappe e due giorni di riposo

Ajò! Ajò! Ajò! Fabio Aru vince la Vuelta 2015: Dumoulin ko, il sardo può festeggiare a Madrid

Vuelta di Spagna
Vuelta 2020: ritiri, non partenti e squalificati
2 ORE FA
Vuelta di Spagna
Gli italiani alla Vuelta 2020: Bagioli è decimo in classifica
3 ORE FA