Lo abbiamo visto trascinare il gruppo addirittura in pianura e fare il ritmo sulle prime salite di giornata. Chris Froome ha cambiato un po' il suo ruolo in questa Vuelta, mettendosi al servizio del compagno di squadraRichard Carapaz che è in lotta - con Roglic - per conquistare la maglia roja. Già dalla prima salita di questa edizione si era visto che non sarebbe stato competitivo per nessun tipo di piazzamento, ma Froome aveva grande voglia di fare dopo mesi di assenza (l'ultima sua partecipazione fu al Tour 2018).
Ma dopo il brutto infortunio del 2019, Froome tornerà a competere seriamente per la vittoria di un Grande Giro? Il britannico spera ancora di fare pokerissimo al Tour de France, issandosi così al primo posto dei corridori con più Giri di Francia vinti nella storia. E, per farlo, ha addirittura cambiato casacca, passando dalla Ineos Grenadiers (dove ha vinto 7 Grandi Giri in carriera) all'Israeldove farà il capitano unico nel 2021.

Froome già in difficoltà alla Vuelta: il momento in cui si stacca dal gruppo

Vuelta di Spagna
Da padrone a gregario: la discesa di Froome
01/11/2020 A 10:22
Difficile immaginare, in realtà, che possa ancora mettere le mani sul Tour. L'infortunio lo ha segnato e, abbiamo visto proprio in questa stagione, come l'età cominci ad avere un ruolo sui capitani (avrà 36 anni a giugno). C'è chi crede possa essere ancora competitivo, anzi che possa brillare ancora. È il suo ex compagno di squadra (e a volte rivale) Bradley Wiggins.
Ogni volta che si trova davanti a tirare, tiene sempre di più il gruppo dietro di sé. Si vede che ama mettersi i corridori dietro, come faceva quando scattava in salita. Si vede che ha sempre più confidenza. Con tutti i corridori che riesce a staccare con la sua andatura, dovrà cominciare a pensare 'sì, posso ancora vincere delle corse in carriera'. [Bradley Wiggins]
Sono sicuro che un giorno tornerà a brillare nuovamente. Ad ogni colpo di pedale si vede che sta ritrovando progressivamente la sua condizione. Sta ritrovando quelle sensazioni che aveva una volta
Che Wiggins abbia ragione? L'intento di Froome era proprio questo, fare la Vuelta, cercare di completarla, per trovare un certo tipo di sensazioni durante una corsa da tre settimane. Poi si vedrà come cominciare a pensare a vincere di nuovo un Grande Giro.

Froome: "Carapaz ha perso meno di 1 minuto da Roglic, fantastico"

Vuelta di Spagna
Froome guida la rivolta contro Roglic, ma poi si scusa
01/11/2020 A 01:19
Vuelta di Spagna
Vuelta 2020: tutte le tappe da Irún a Madrid
19/10/2020 A 23:19