Fabio Aru si sta rimettendo in gioco con grandissima caparbietà e nell’ultima settimana si è cimentato in tre gare di ciclocross: quarto ad Ancona (27 dicembre), quindicesimo a San Fior (29 dicembre), sesto a Cremona (3 gennaio). Il Cavaliere dei Quattro Mori è reduce da tre stagioni particolarmente difficili e avare di risultati con la maglia della UAE Emirates, ora ha cambiato squadra e proprio un paio di giorni fa ha debuttato con la casacca della Qhubeka-Assos. Il sardo ha sfoggiato i nuovi colori della compagine sudafricana e ha ben figurato tra fango e neve in terra lombarda. Al netto dei risultati, comunque discreti, stanno piacendo l’entusiasmo, la convinzione, il sorriso che il 30enne sta mettendo in questa nuova avventura.

Ciclocross
Aru debutta con la Qhubeka-Assos: 6° a Cremona
04/01/2021 A 12:01

Possiamo tranquillamente dirlo: Fabio Aru è ripartito dal basso, con lo scopo di lasciarsi alle spalle il passato e guardare con grande ottimismo al futuro. Il vincitore della Vuelta di Spagna 2015 deve assolutamente rilanciarsi in questa nuova stagione e sta cercando il colpo di pedale dei giorni migliori, l’auspicio è che possa tornare quel corridore in grado di salire due volte sul podio al Giro d’Italia e di concludere in quinta posizione il Tour de France 2017. Il sardo deve ancora definire il suo calendario su strada del 2021, probabilmente lo vedremo alla Corsa Rosa ma è ancora tutto da confermare e da concordare con la sua nuova formazione.

Rivedremo nuovamente Fabio Aru nel ciclocross? Nel weekend sono in programma i Campionati Italiani a Lecce, su un tracciato che si preannuncia non così impervio e adatto a più corridori. Vedremo se l’alfiere della Qhubeka-Assos sarà al via in terra pugliese. Il ct Fausto Scotti aveva dichiarato che lo avrebbe voluto al Cross di Sant’Elpidio previsto nel giorno dell’Epifania. La suggestione di una convocazione per i Mondiali, in programma in Belgio a fine gennaio, è sempre molto viva. Staremo a vedere quali decisioni verranno prese nei prossimi giorni, ma intanto è importante avere ritrovato un Fabio Aru così baldanzoso. Le dichiarazioni pubblicate sul suo profilo Instagram parlano chiaro: “Prima gara con la mia nuova squadra. Mi sento meglio nel fango, ma la cosa più importante è che mi sto divertendo come un bambino alle sue prime gare. Questo è lo sport, questa è la mia passione".

Fabio Aru batte un colpo al Tour: scatto sul Col de la Lusette

Ciclocross
Pressione delle ruote e copertoni: Thibau Nys ci svela i segreti del ciclocross
24/02/2021 A 14:47
Ciclocross
Come Lucinda Brand ha vinto il Mondiale: il dietro le quinte con il suo staff
24/02/2021 A 14:39