Due barrette che si muovono in verticale ai lati dello schermo, una sottile linea tratteggiata in mezzo e un quadratino per simulare la pallina che viene ribattuta da una parte all'altra: è "Pong", il capostipite dei videogiochi domestici, il pioniere che aprì un movimento e un'industria destinata in breve a cambiare le abitudini di giovani e giovanissimi.

La schermata vincente di Pong

Credit Foto From Official Website

Era il 3 agosto 1975, esattamente 44 anni fa, quando Atari lanciò la versione domestica del gioco già uscito nelle sale giochi quattro anni prima, commercializzando una console da collegare al televisore. Nonostante una grafica e un game-play più che minimalisti, il simulatore di partite di ping-pong ottiene un successo immediato, con un vero e proprio boom di vendite durante il periodo natalizio. Il grandissimo feedback del pubblico spingerà Atari a produrre versioni successive con miglioramenti nella grafica e nel gameplay, gettando le basi per la creazione del settore di mercato dei videogiochi domestici.
e-Sports
È campione del mondo di Fortnite: l'e-gamer 16enne "Bugha" vince 3 milioni di dollari
02/08/2019 A 15:16
e-Sports
Ecco ETCR, la prima serie di Turismo elettrico
09/10/2020 A 11:21
e-Sports
24 ore di Le Mans virtuale: vittoria per Rebellion Williams, male Leclerc, Alonso e Verstappen
14/06/2020 A 14:50