A far data da domenica 29 novembre, Calabria, Lombardia e Piemonte rientrano in area arancione, mentre Liguria e Sicilia in zona gialla. Con una seconda ordinanza il Ministro della Salute ha rinnovato le misure restrittive vigenti per le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche, che restano in zona arancione e per Campania e Toscana, che rimangono, invece, in zona rossa. Entrambe le ordinanze resteranno in vigore fino al prossimo 3 dicembre, data di scadenza dell’ultimo DPCM. Riportiamo di seguito i tre scenari in cui è al momento configurata l’Italia con particolare riferimento alle attività che riguardano gli sport equestri.
MISURE RELATIVE ALLO SCENARIO TIPO 3. Si applicano alle Regioni definite a elevata gravità e a un livello di rischio alto (colore arancione) che alla data del 18 novembre sono: Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte Puglia e Umbria. Per ciò che riguarda gli Sport Equestri: In queste regioni si applicano tutte le restrizioni previste a livello nazionale descritte nel paragrafo precedente, alle quali si aggiungono delle misure più restrittive e nel dettaglio. (art. 2, comma 4, lettera a) vieta lo spostamento in entrata o uscita dalla Regione, salvo che per motivi di lavoro, salute o necessità. Quindi ingresso, uscita e/o transito in questi territori è consentito agli atleti con qualsiasi patente e relativi accompagnatori se minorenni che devono partecipare alle competizioni autorizzate o svolgere allenamenti sul territorio regionale in questione oppure in altre Regioni. Per giustificare gli spostamenti da o per regioni sottoposte a restrizioni bisogna munirsi di autocertificazione che chiarisca e documenti le motivazioni dello spostamento. La FISE ha provveduto a predisporre un modello specifico che riguarda gli sport equestri.
Equitazione
Concorso Completo, al via gli stage federali
04/02/2021 A 08:09
MISURE RELATIVE ALLO SCENARIO TIPO 4. Si applicano alle Regioni definite di massima gravità e a livello alto rischio (colore rosso), che alla data del 18 novembre sono: Abruzzo, Campania, Toscana, Valle d’Aosta e Provincia autonoma di Bolzano. Per ciò che riguarda gli Sport Equestri: - (art. 3, comma 4, lettera a) è vietato lo spostamento in entrata o uscita dalla Regione, salvo che per motivi di lavoro, salute o necessità. In queste Regioni per quanto concerne lo sport si applicano le restrizioni previste a livello nazionale e sopra chiarite. È possibile svolgere le manifestazioni sportive autorizzate nella modalità a porte chiuse e nei circoli possono allenarsi a porte chiuse gli atleti con qualsiasi patente che partecipano alle manifestazioni autorizzate. Il transito in questi territori è consentito agli atleti con qualsiasi patente e relativi accompagnatori che devono partecipare a competizioni autorizzate o svolgere allenamenti sul territorio regionale in questione. È consentito agli atleti e relativi accompagnatori di queste regioni spostarsi per raggiungere sedi di gare e/o allenamenti recandosi in ulteriori territori anche non soggetti a restrizioni. (art. 3, comma 4, lettera d) sono sospese l’attività sportiva di base e l’attività motoria svolta nei circoli sportivi anche all’aperto, come previsto nell’art. 1, comma 9, lettera f) sopra citato. Per giustificare gli spostamenti da o per regioni sottoposte a restrizioni bisogna munirsi di autocertificazione che chiarisca e documenti le motivazioni dello spostamento. La FISE ha provveduto a predisporre un modello specifico che riguarda gli sport equestri.
Equitazione
Giovani cavalli, ecco il programma sportivo 2021
28/01/2021 A 09:29
Equitazione
Categorie Ambassador: grandi novità per il calendario 2021
22/01/2021 A 07:25