Col Rally di Roma Capitale alle porte, vediamo cosa è successo fino ad ora nella stagione 2021 del FIA European Rally Championship.
ORLEN 77th Rally Poland (18-20 giugno):Alexey Lukyanuk inizia la stagione 2021 del FIA European Rally Championship centrando la vittoria all’ORLEN 77th Rally Poland.

Affiancato da Alexey Arnautov, il russo si è rifatto alla grande con la sua Citroën C3 Rally2 gommata Pirelli, dopo che martedì nei test aveva avuto un capottamento quintuplo a metterlo KO.

Il Saintéloc Junior Team è riuscito a fare arrivare una scocca nuova dal sud della Francia e prepararla in tempo per il round.

Nonostante fossero parecchi mesi che non disputava un rally su terra (e con solo 20km alle spalle di prove), Lukyanuk con grande calma è riuscito a tenere testa a Nikolay Gryazin, che nella penultima PS di sabato è finito fuori per una doppia foratura.

Domenica mattina, al via della Tappa 2, il Campione in carica si è ritrovato al comando con 29″7 su Andreas Mikkelsen/Ola Fløene, Lukyanuk, per cui gli è bastato amministrare senza correre ulteriori rischi, mentre il norvegese è riuscito a ricucire parzialmente lo strappo portandolo a 17″4 all’ultima prova nel centro di Varsavia.

Lukyanuk, che centra la 12a vittoria nell’ERC, succede a Luca Rossetti (2011) nella ripartenza in difesa del titolo inaugurata con un successo.

“Sembravamo in un film, è stata una delle sfide più toste che abbiamo affrontato, con tanti piloti veloci e strade difficili, ma sono felicissimo di questo successo”, ha detto Lukyanuk.

Javier Pardo/Adrián Pérez hanno invece vinto la Classe ERC2 con la loro Swift R4lly S in Rally2 Kit preparata dalla Suzuki Motor Ibérica.

Sami Pajari/Enni Mälkönen conquistano l’ERC3 sulla Ford Fiesta Rally4 della M-Sport Poland, mentre fra le Rally3 sono Jon Armstrong/Phil Hall a svettare.

Pajari è primo anche in ERC3 Junior, mentre Paulo Soria/Marcelo Der Ohannesian trionfano nel Clio Trophy by Toksport WRT, la nuova serie riservata alle Renault Clio Rally5 gommate Michelin.

Dariusz Poloński/Łukasz Sitek si aggiudicano la Abarth Rally Cup, con i primi incentivi dell’ERC-MICHELIN Talent Factory assegnati ai piloti armati di vetture Rally2.

Rally Liepāja (1-3 luglio):Nikolay Gryazin ha centrato il successo al Rally Liepāja, facendo così tripletta nel round lettone del FIA European Rally Championship.

Il russo, vittorioso anche nel 2017-2018, si è imposto assieme a Konstantin Aleksandrov al volante della Volkswagen Polo GTI R5 gommata Pirelli di SRT-Movisport precedendo la Hyundai di Craig Breen (Team MRF Tyres) per 17″3, mentre Alexey Lukyanuk resta leader di campionato col terzo posto.

“Dopo i problemi in Polonia siamo finalmente qui a riscattarci! – ha detto Gryazin, che abita in Lettonia – Abbiamo fatto un ottimo lavoro senza alcun problema, nell’ultima parte ho potuto gestire e tirare il fiato visto l’ampio vantaggio. Qui hanno corso tutti bene, ma è sempre bello poter vincere in casa”.

Efrén Llarena, leader dell’ERC-MICHELIN Talent Factory, conclude quarto davanti ad Andreas Mikkelsen sulla Škoda Fabia Rally2 Evo della Toksport WRT.

Dopo il podio in Polonia, Miko Marczyk (ORLEN Team) continua l’ottima stato di forma ottenendo un buon sesto posto, mettendosi dietro la Hyundai di Ole Christian Veiby, il quale ha accusato problemi di cali di potenza, prima che il norvegese venisse escluso nel post-gara per una irregolarità tecnica riscontrata in verifica.

Sale quindi settimo Eerik Pietarinen con una vecchia Fabia, ottavo c’è invece Erik Cais (Yacco ACCR Team) in rimonta dal 15° posto, con Emilio Fernàndez (Toksport WRT) e Simone Tempestini (Napoca Rally Academy) a completare la Top10.

A punti vanno anche Nil Solans (Rallye Team Spain) – che ha perso terreno essendo il primo ad entrare in azione nella Tappa 2, Georg Linnamäe, Norbert Herczig (Škoda Rally Team Hungaria), Raul Jeets e Yoann Bonato (CHL Sport Auto).

Rimangono a mani vuote Alberto Battistolli, Grégoire Munster (Hyundai Junior Driver), Ken Torn (M-Sport Poland – Ford Fiesta Rally3), Jarosław Kołtun e Radik Shaymiev.

Umberto Scandola (Hyundai Rally Team Italia) si è invece capottato con la sua i20 R5 nella PS8, la stessa tratta che ha visto finire fuori Fabian Kreim (Pole Promotion) con problemi ad una sospensione. Anche Callum Devine si è dovuto arrendere per lo stesso motivo mentre il pilota della Motorsport Ireland Rally Academy era in Top10.

Dmitry Feofanov vince per la prima volta l’ERC2, l’idolo locale Mārtiņš Sesks si riscatta con il successo in ERC3/ERC3 Junior sulla sua Fiesta Rally4 beneficiando di un capottamento di Sami Pajari, che poi ha continuato chiudendo terzo dietro alla Renault Clio Rally4 di Jean-Baptiste Franceschi.

Yigit Timur centra la vittoria nel Clio Trophy by Toksport WRT, la serie dedicata a chi guida le Clio Rally5 gommate MICHELIN. Secondo Andrea Mabellini. Dariusz Poloński batte Martin Rada in Abarth Rally Cup.

Come è arrivata la vittoria di Gryazin
Nikolay Gryazin aveva cominciato la Tappa 2 con 10″6 su Craig Breen, che poi ha preceduto per 3″4 nella PS7 allungando a 14″. Intanto Alexey Lukyanuk è salito terzo scavalcando Efrén Llarena.

Lukyanuk ha vinto la PS8 rosicchiando 11″ a Breen, poi il russo ha danneggiato il radiatore della sua Citroën C3 Rally2 andando in un fosso nella prova successiva e rischiando grossissimo. Le riparazioni temporanee gli hanno consentito di raggiungere il servizio a Liepāja, ma Breen intanto è tornato a 16″, con Gryazin nuovamente vittorioso portando a 15″2 il margine sull’irlandese.

Il pilota della Movisport ha vinto la PS10, per poi lasciare ad Andreas Mikkelsen gli altri due successi che valgono al norvegese i 5 punti come migliore di tappa.

Classifiche 2021:CLICCATE QUI.
ERC
Tempestini batte Mikkelsen grazie ad una vittoria in PS
16 ORE FA
The post ERC 2021: la stagione fino ad oggi appeared first on FIA ERC | European Rally Championship.
ERC
Herczig torna sul podio per 0″3 con tanto lavoro
16 ORE FA
ERC
Vogel felicissima dei punti ERC3 presi a Roma
16 ORE FA