Nikolay Gryazin insiste sul fatto che arrendersi non è mai stata un'opzione, nonostante un pneumatico anteriore destro danneggiato lo abbia fatto crollare al 60° posto fra i piloti del FIA European Rally Championship.
Al Rally di Roma Capitale, il russo è emerso come uno dei primi contendenti per la vittoria in questo evento su asfalto dopo aver vinto la qualifica di venerdì, per poi ritirarsi oggi.

"C'era solo una piccola pietra sulla linea e nell'alta velocità è difficile vederla in uscita e si arriva subito", ha detto il vincitore del Rally Liepāja alla sosta di mezzogiorno a Fiuggi. "È stato un piccolo colpo, ma appena sufficiente per provocare una foratura. Era all'inizio della prova".

Nonostante la battuta d'arresto, Gryazin è stato veloce a trasformare un negativo in positivo.

"Abbiamo una grande perdita [di tempo] ma non ci arrendiamo perché abbiamo qualcosa su cui lavorare; il test svolto non era adeguato e ora è un buon momento per trovare un buon set-up per le strade ad alta aderenza. Il nostro obiettivo ora è quello di controllare la macchina anche se cercheremo di fare qualcosa, ma due minuti sono parecchi".

Anche Gryazin ha raggiunto il servizio di Fiuggi dopo tre PS con il paraurti anteriore mancante dalla sua Volkswagen Polo GTI R5.

"Non c'era niente di strano con il paraurti anteriore, ma ad un certo punto è venuto via e sono rimasto sorpreso", ha detto. "E' nel bagagliaio e non averlo non influisce. A Roma non ho fortuna".
ERC
Il percorso del Rally Serras de Fafe e Felgueiras
2 ORE FA
The post Gryazin non si arrende appeared first on FIA ERC | European Rally Championship.
ERC
Bonato a Fafe per riscattarsi dopo un ritiro e un… successo
UN GIORNO FA
ERC
Franceschi a Fafe da nuovo leader ERC3
UN GIORNO FA