Dopo l'incredibile finale del Rally di Croazia del FIA World Rally Championship, riviviamo le cinque gare del FIA European Rally Championship che sono terminate con i distacchi più risicati.
0″0 (Belgio, 2014):nessun distacco è risultato minore di questo, quando Stéphane Lefebvre e Andrea Crugnola dopo 20 PS e 300km percorsi si ritrovarono appaiati in ERC3 Junior ad Ypres. Alla fine la spuntò il francese, vittorioso lungo i 27,56km della “Hollebeke” nonostante il cofano della sua Peugeot 208 R2 si fosse aperto.

0″3 (Repubblica Ceca, 2019):è un margine ridottissimo quello con cui Filip Mareš ha vinto l’ERC1 Junior e i 100.000€ per proseguire la sua carriera. Il grande sconfitto di quel Barum Czech Rally Zlín fu Chris Ingram.

0″3 (Italia, 2017):Kajetan Kajetanowicz stava amministrando per vincere poi il suo terzo titolo, dunque Bryan Bouffier ne approfittò per beffarlo al Rally di Roma Capitale. A due PS dal termine ecco il sorpasso del francese, che poi vinse.

0″5 (Austria, 2013):l’International Jännerrallye aprì la stagione 2013 dell’ERC, la prima con Eurosport Events come promoter. Sempre Bouffier fu protagonista, ma stavolta in negativo perdendo contro Jan Kopecký nell’ultima PS.

0″6 (Cipro, 2018):l’idolo locale Simos Galatariotis sconfisse Bruno Magalhães all’ultima prova per soli 0″6, nonostante una foratura. Nasser Al-Attiyah era il dominatore, ma all’ultima PS incappò in una foratura che gli fece perdere i 20″6 che aveva, nonostante il tentativo del qatariota di raggiungere il traguardo con la gomma a terra. Magalhães superò Al-Attiyah soffiandogli anche il secondo posto.
ERC
FIA Global Rally Ranking: ecco la classifica per piloti e co-piloti
13 ORE FA
The post I distacchi più risicati nell’ERC appeared first on FIA ERC | European Rally Championship.
ERC
Fotia vince grazie ai consigli di Bonato
IERI A 17:08
ERC
Feofanov e un secondo posto in ERC2 positivo
IERI A 11:06