La stagione 2021 del FIA European Rally Championship entra nella fase decisiva e al Rally Hungary potremmo già avere i primi verdetti, in attesa di andare al Rally Islas Canarias a metà novembre.
Dopo che due spettacolari gare su ghiaia - il 55° Rally delle Azzorre e il Rally Serras de Fafe e Felgueiras, nuovo arrivato nell'ERC - hanno messo alla prova i piloti, i team e le loro auto, i round su asfalto che chiuderanno la stagione non saranno meno impegnativi e intensi.

Con sede nella città di Nyíregyháza, nel nord-est dell'Ungheria, il penultimo evento dell'ERC 2021 ha 56 equipaggi iscritti e somiglianze con il Barum Czech Rally Zlín con tappe su un misto di asfalto, cemento rotto e passaggi stretti in zone di campagna.

L'evento comprende una popolare superspeciale sul circuito di rallycross Rabócsiring a sud di Nyíregyháza, più una prova speciale attraverso le strade della città ospitante. Il rally dà anche l'opportunità ai concorrenti del campionato nazionale ungherese di mostrare il loro talento a livello internazionale - e di confrontarsi con diversi importanti piloti ungheresi che competono regolarmente nell'ERC, come il pluricampione ERC2 Tibor Érdi Jr, il concorrente ERC3 Junior Martin László, Adrienn Vogel e il tre volte a podio ERC Norbert Herczig.

Andreas Mikkelsen è l'uomo del momento. Dopo aver conquistato la categoria WRC2 del FIA World Rally Championship in Spagna lo scorso fine settimana, il norvegese può vincere un secondo titolo FIA importante nel giro di una settimana diventando campione europeo. Avendo vinto al suo debutto al Rally d'Ungheria l'anno scorso, Mikkelsen torna sulla Škoda Fabia Rally2 Evo con un vantaggio di 71 punti.

Praticamente tutto il resto è cambiato dal suo debutto nel 2020. Elliott Edmondson ha sostituito Ola Fløene nel sedile del copilota dopo che Jonas Andersson ha inizialmente ricoperto il ruolo al Barum Czech Rally Zlín. La Toksport WRT, che ha seguito Chris Ingram al titolo ERC al Rally d'Ungheria nel 2019, è ora incaricato di gestire la macchina di Mikkelsen, che utilizza pneumatici MICHELIN anziché coperture Pirelli, subentrando al Topp-Cars Rally Team. E l'imponente livrea in blu e rosso dello scorso anno è stata sostituita dal tradizionale verde e bianco di Škoda Motorsport per il 2021.

"Abbiamo avuto il weekend perfetto [nell'ultimo round a Fafe], quindi ora sembra davvero un momento buono per il campionato", ha detto il 32enne. "Speriamo che tutto vada bene per noi e di ottenere un buon risultato in Ungheria".

Miko Marczyk guida gli inseguitori di Mikkelsen nella corsa al titolo ERC su un alto livello dopo aver centrato il suo secondo titolo polacco al Rally Košice in Slovacchia lo scorso fine settimana. L'assegnazione di pneumatici MICHELIN al pilota dell'ORLEN Team per il Rally d'Ungheria è la sua ricompensa per essere il miglior concorrente dell'ERC-MICHELIN Talent Factory dopo sei gare. Efrén Llarena del Rallye Team Spain, nel frattempo, inizia il suo secondo Rally d'Ungheria al terzo posto in classifica ed è determinato a riprendersi dalla resa al Rally Serras de Fafe e Felgueiras all'inizio del mese.

Oltre alla lotta per il titolo generale, i campionati ERC2, ERC3 ed ERC3 Junior rimangono aperti, così come il Clio Trophy by Toksport WRT. Con il doppio dei punti in palio per quello che è l'ultimo round della serie per le Renault Clio Rally5 gommate MICHELIN, quattro piloti, guidati dal leader Andrea Mabellini, sono ancora in lizza per il titolo e il premio: una Clio Rally4 gestita da Toksport WRT in tre round della prossima stagione dell'ERC.

Javier Pardo è l'uomo da battere in ERC2 dopo che il pilota di Suzuki Motor Ibérica ha ottenuto la sua quarta vittoria su quattro in Portogallo all'inizio di questo mese, mentre in ERC3 c'è una battaglia emozionante tra Pep Bassas (Rallye Team Spain) e Jean-Baptiste Franceschi (Toksport WRT). Nell'ERC3 Junior, che riprende dopo un mese di pausa, Franceschi ha solo un punto di vantaggio sul campione del mondo Junior Sami Pajari (Porvoon Autopalvelu). Ken Torn punterà a continuare il suo dominio nella categoria ERC Junior con la sua Ford Fiesta Rally3 gommata Pirelli della M-Sport Poland, mentre Dariusz Polonski (Rallytechnology) è leader dell'Abarth Rally Cup.

Oltre agli equipaggi che inseguono il successo con le auto Rally2, la Classe ERC2 è per le Rally2 Kit, mentre in ERC3 sarà una battaglia tra le Rally4 di Peugeot e Renault.

L’obiettivo dell’ERC rimane quello di fornire un percorso di progressione per i piloti che puntano al top dello sport, ma continuando ad essere aperto a tutti i partecipanti con una vasta gamma di età ed esperienza.

Amministrato dalla FIA e promosso da Eurosport Events, l’ERC è la serie che precede il FIA World Rally Championship ed è sostenuto da un pacchetto globale di trasmissioni, che comprende un’ampia copertura sulle varie piattaforme Eurosport. Quattro tappe di ogni evento sono mostrate in diretta su Facebook e YouTube, mentre ERC Radio è in onda da tutti gli eventi.
ERC
FIA Global Rally Ranking: ecco la classifica per piloti e co-piloti
17 ORE FA
The post Rally Hungary, la lotta per il titolo si infiamma appeared first on FIA ERC | European Rally Championship.
ERC
Fotia vince grazie ai consigli di Bonato
IERI A 17:08
ERC
Feofanov e un secondo posto in ERC2 positivo
25/11/2021 A 11:06