La notizia era nell’aria già negli ultimi giorni e ora ci sono i crismi dell’ufficialità: cambia il calendario del Mondiale 2021 di F1. Il 13 giugno, infatti, non si terrà il GP di Turchia e al suo posto di disputerà una seconda gara in stile “double header” in Austria.
Il GP di Stiria andrà in scena nel weekend del 25-27 giugno sul tracciato di Spielberg. Questa decisione è legata, come viene specificato dal comunicato ufficiale dell’organizzazione del Circus: “Alle restrizioni di viaggio“. Le limitazioni sono dovute al contenimento della pandemia Covid-19 che sono state imposte da alcuni Paesi tra cui quelli che hanno come sedi i team di F1 e avrebbero dovuto affrontare i viaggi dalla Turchia.
Formula 1
Incidente Hamilton-Verstappen, alla Red Bull danni per 1,5 milioni
IERI A 21:29
In altre parole, nel Regno Unito il territorio turco fa parte delle elenco degli Stati che obbliga alla quarantena in caso di spostamenti.Il promotore del GP di Turchia ha chiesto di esaminare l’eventuale opportunità di riprogrammare la gara più avanti nella stagione. Stessa richiesta è stata fatta dalla Cina all’inizio di quest’anno“, le precisazione nella nota. Pertanto, nel calendario ci saranno dei cambiamenti importanti.
In primis, come già detto, ci saranno due gare in Austria consecutive:
  • GP di Stiria: dal 25 al 27 giugno a Spielberg.
  • GP d’Austria: confermato nel weekend dal 2 al 4 luglio a Spielberg.
Un vero e proprio effetto domino dal momento che il GP di Francia si sposterà di una settimana rispetto alla data originaria: dal 25-27 giugno al 18-20 giugno. “L’attuale situazione del COVID-19 rimane in evoluzione e continueremo a monitorarla e con gli organizzatori e le squadre, ma la F1 ha dimostrato ancora una volta di essere in grado di affrontare le criticità di questo periodo così particolare. Siamo anche lieti di iniziare a vedere gli appassionati tornare alle nostre gare con una capacità fino al 40% a Monaco il prossimo fine settimana“, le sottolineature del comunicato della F1.
Non vedevamo l’ora di correre in Turchia, ma le restrizioni di viaggio in vigore hanno impedito di essere lì a giugno. La F1 ha dimostrato ancora una volta di essere in grado di reagire rapidamente, di trovare soluzioni e siamo lieti del doppio appuntamento in Austria. Voglio ringraziare il promotore e le autorità in Turchia per tutti i loro sforzi nelle ultime settimane e desidero ringraziare gli organizzatori delle gare in Francia e Austria per la loro velocità, flessibilità ed entusiasmo nell’aver accettato i cambiamenti di programma. Abbiamo avuto un ottimo dialogo con tutti gli altri promotori dall’inizio dell’anno e continueremo a lavorare a stretto contatto con loro durante questo periodo“, ha aggiunto il CEO della F1 Stefano Domenicali.

CALENDARIO F1 2021

5. GP Monaco (20-23 maggio)
6. GP Azerbaijan (4-6 giugno)
7. GP Francia (18-20 giugno)
8. GP Stiria (25-27 giugno)
9. GP Austria (2-4 luglio)
10. GP Gran Bretagna (16-18 luglio)
11. GP Ungheria (30 luglio-1° agosto)
12. GP Belgio (27-29 agosto)
13. GP Olanda (3-5 settembre)
14. GP Italia (10-12 settembre)
15. GP Russia (24-26 settembre)
16. GP Singapore (1°-3 ottobre)
17. GP Giappone (8-10 ottobre)
18. GP Usa (22-24 ottobre)
19. GP Messico (29-31 ottobre)
20. GP Brasile (5-7 novembre)
21. GP Australia (19-21 novembre)
22. GP Arabia Saudita (3-5 dicembre)
23. GP Abu Dhabi (10-12 dicembre)
GP Italia
Ufficiale: a Monza la seconda Qualifying Race
22/07/2021 A 19:19
Formula 1
Wolff: "Red Bull troppo dura contro Lewis"
22/07/2021 A 15:27