Ritorno in pista in quel di Fiorano per la Ferrari e per Charles Leclerc in vista del Mondiale di F1. Il monegasco è tornato al volante della Rossa a 44 giorni dall’ultima uscita, percorrendo ieri ben 113 giri. Il suo commento ai microfoni di Sky Sport:
“È stato bello tornare in pista. Anche se 44 giorni possono sembrare pochi, alla fine sono tanti, soprattutto quando non fai la cosa che ami di più. Sono contentissimo di essere tornato in pista. Mi sono trovato subito a mio agio. Quest’anno abbiamo deciso di fare un test in gennaio e questo ci ha aiutato ad accorciare la solita pausa invernale. Aiuta girare prima della stagione anche se con una macchina 2018, perché le procedure sono molto simili a quelle di quest’anno e il lavoro con ingegneri e meccanici per trovare il massimo della performance c’è sempre. Anche se non c’è competizione e sono da solo in pista, c’è la voglia di fare sempre meglio. È bello fare una giornata così prima della stagione”.
GP Russia
Hamilton-Verstappen, la testa conta più di cuore e muscoli
18 ORE FA
Sul compagno di squadra Carlos Sainz, all’esordio con la scuderia italiana, Leclerc ha aggiunto:
“Ricordo che la prima volta che sono salito su una Ferrari: non ero un pilota ufficiale, ma era molto emozionante perché era la prima F1 che guidavo. Sicuramente è un giorno speciale per Carlos, non lo dimenticherà mai. Se è arrivato fino a qui credo non abbia bisogno di consigli. Io sarò qui a guardarlo e gli faccio un grosso in bocca al lupo”.

Ferrari, Leclerc diventa attore per il cortometraggio di Lelouch

GP Russia
Pagelle: Hamilton e Verstappen implacabili, bene Sainz e Kimi
IERI A 16:48
GP Russia
Sainz: "Partenza super poi fortunato", Leclerc: "Non sono contento"
IERI A 14:58