Il Mondiale F1 incomincerà a fine marzo col GP del Bahrain, preceduto di un paio di settimane dai Test che andrà in secna sempre nella località mediorientale. La speranza della Ferrari è quella di disputare un buon campionato dopo un 2020 decisamente sottotono, concluso addirittura al sesto posto nella classifica dei costruttori. Il Cavallino Rampante non potrà essere ancora sullo stesso livello di Mercedes e Red Bull, ma si dovrà lottare per salire quantomeno sul podio.
Mattia Binotto, team principal della Scuderia di Maranello, è tornato a parlare sulle colonne del sito ufficiale della F1 e si è soffermato soprattutto sul suo primo pilota, ovvero Charles Leclerc: “Non è stata una stagione facile e su questo nessuno ha dubbi. Nonostante tutto, però, Charles Leclerc ha confermato tutto il suo valore, dimostrando di essere uno dei migliori piloti nel panorama della Formula 1”.
GP Francia
La vittoria più importante della carriera di Verstappen
17 ORE FA
Leclerc ha confermato tutto il suo valore, dimostrando di essere uno dei migliori piloti nel panorama della Formula 1
La guida sportiva della Ferrari ha ulteriormente elogiato il monegasco: “Credo che complessivamente sia stata una stagione importante per lui, è stato un Mondiale molto difficile dal punto di vista della competitività della nostra vettura, ma penso che come leader del team Leclerc stia crescendo molto. Penso che Charles non abbia bisogno di dimostrare quanto sia veloce. Tutti sanno quanto sia bravo alla guida, sia nelle qualifiche che in gara, anche in condizioni difficili, e anche quest’anno l’ha dimostrato”.
Mattia Binotto ha poi spiegato che “Charles è molto empatico, capisce quando è il momento di supportare la squadra, quando è il momento di spingere, quando è il momento di migliorare davvero e fare un passo avanti. È consapevole che i risultati del futuro del team dipendano in qualche modo anche dal suo contributo. Penso che in questo sia davvero un leader, è cresciuto molto in questa stagione e non solo come pilota. Ha imparato molto anche in termini di guida, gestione delle gomme, ritmo di gara e così via. Sono sicuro che Charles sarà un pilota ancora più forte in futuro. È già un grande, ma lo sarà ancora di più forte a cominciare dal prossimo anno”.
Charles è molto empatico, capisce quando è il momento di supportare la squadra, quando è il momento di spingere, quando è il momento di migliorare davvero e fare un passo avanti

Ferrari, peggior annata dal 1980: i numeri di un disastro

GP Francia
Pagelle: colpaccio Verstappen, Ferrari al buio, 4 a Leclerc
IERI A 16:58
GP Francia
Ferrari, Leclerc: "Migliorare? Non a breve termine"
IERI A 15:49