Il quarto atto del mondiale di Formula 1 va in archivio con la vittoria della Mercedes.
Anche qui in Inghilterra, dopo i primi atti in Austria, succede di tutto, soprattuto nel finale di corsa, di diritto nella leggenda di questo sport. Si perché a vincere è, come al solito, Lewis Hamilton, con un epilogo incredibile. Ma riavvolgiamo il nastro e partiamo dall'inizio.

Lewis Hamilton (Mercedes) festeggia con lo champagne l'ennesimo successo in F1, Getty Images

Credit Foto Getty Images

GP Gran Bretagna
Hamilton spaziale, 91a pole position a Silverstone. Leclerc (4°) porta la Ferrari in seconda fila
01/08/2020 A 12:58
Nonostante la pista stupenda di Silverstone sia spesso teatro di gare super, per praticamente 50 giri regna la noia. La Mercedes fa una corsa a parte, con Hamilton e Bottas che girano su tempi inarrivabili per gli altri, rifilando distacchi abissali alla concorrenza. L'unico a tenere un po' il passo delle astronavi di Stoccarda è Verstappen, terzo per quasi tutta la gara. Da Leclerc quarto in poi sono tutti lontanissimi.
Poi al giro 50, a due dal termine, accadono un sacco di colpi di scena: prima esplode l'anteriore sinistra di Valtteri Bottas, un vero disastro per il finlandese che, dopo diverse tornate con tante vibrazioni, si ritrova con la gomma a terra ed è costretto ad entrare ai box perdendo podio e zona punti. Al giro successivo succede lo stesso a Sainz. Al giro finale arriva la foratura per Hamilton, che deve però percorrere ancora 6/7 curve. Verstappen ci prova a raggiungere l'inglese che però, con le unghie e con i denti, riesce ad arrivare al traguardo su tre ruote.

Lewis Hamilton (Mercedes)

Credit Foto Getty Images

Un arrivo leggendario, che ricorda le bandiere a scacchi di una quarantina di anni fa. Comunque alla fine dei conti è sempre Lewis Hamilton a vincere. L'inglese è ancora una volta super a comandare davanti al compagno di squadra mai domo. Bottas ci prova a mettere pressione al compagno, che però semplicemente non sbaglia mai e vince. Mancano 4 successi a pareggiare il record dei 91 di Schumacher. Sicuramente non aveva mai vinto in questa maniera così rocambolesca.

Lewis Hamilton s'impose malgré une crevaison dans le dernier tour à Silverstone

Credit Foto Getty Images

Con Bottas alla fine fuori dalla top ten per il problema alla gomma, arriva un super secondo posto di Max Verstappen. Fantastica gara dell'olandese che è l'unico a tenere a tratti il passo delle vetture di Stoccarda. Nel finale però ha forse da mangiarsi le mani: dopo i problemi di Bottas e Sainz in casa Red Bull corrono ai ripari e cambiano le gomme al pilota, in modo da fargli guadagnare il punto supplementare del miglior giro. E così quando a Hamilton esplode la gomma nel giro finale, Max è troppo lontano dall'inglese.

Charles Leclerc, GP Gran Bretagna 2020, F1, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Ottimo podio, un po' fortunato, per Charles Leclerc. Il monegasco è lontano una vita dai primi tre per tutta la corsa, poi nel finale approfitta del problema di Bottas per conquistare un terzo podio forse impronosticabile. Silverstone non è una pista amica della Ferrari attuale, che forse ne aveva di meno anche di Mclaren e Renault, ma Leclerc è super e rimane davanti. Quarto posto per un ottimo Ricciardo, poi Norris. Sesto Ocon, poi Gasly, Albon, Stroll e Vettel, che all'ultimo arriva davanti a Bottas. Un punticino guadagnato da Seb, veramente poco al termine di una gara veramente anonima del tedesco. Male anche la Racing Point, con Stroll mai competitivo e Hulkenberg che non parte neanche per problemi alla sua auto in mattinata.
Tra una settimana si torna in pista, sempre qui per il back to back. Sarà veramente interessante per due motivi: prima di tutto Pirelli porterà gomme ancora più morbide rispetto a questo weekend e, guardando il finale di questa, potrà accadere di tutto. E poi perché la Ferrari farà un filming day in settimana con una vettura laboratorio. Speriamo di vedere una rossa maggiormente competitiva in futuro.
Per il mondiale è giù tutto finito: con il problema di Bottas, Hamilton se ne va nella generale. Almeno abbiamo visto che la Mercedes può avere anche lei qualche problema.

L'ordine d'arrivo

POSIZIONEPILOTASCUDERIADISTACCO
1Lewis HamiltonMercedes-
2Max VerstappenRed Bull+5.856
3Charles LeclercFerrari+18.474
4Daniel RicciardoRenault+19.650
5Lando NorrisMclaren+22.277
6Esteban OconRenault+26.937
7Pierre GaslyAlphataur+31.188
8Alexander AlbonRed Bull+32.670
9Lance StrollRacing Point+37.311
10Sebastian VettelFerrari+41.857

I 5 momenti della gara

- Pronti via e davanti Hamilton vola, poi Bottas, Verstappen e Leclerc. Sainz e Ricciardo recuperano due posizioni, mentre Norris e Stroll ne perdono altrettanto. Vettel rimane decimo. Contatto nelle retrovie tra Albon e Magnussen con quest'ultimo che ha la peggio e finisce nella ghiaia. Safety car in pista.
- Si riparte e davanti succede bene poco. Mercedes prende il largo, ma Bottas tiene il passo di Hamilton. Al giro 14 brutto crash di Kvyat. Altra safety car e tutti vanno ai box a mettere gomma bianca.
- Dopo ben 5 giri di SC, si riparte. Norris supera Ricciardo in ripartenza, davanti invece accade poco: la Mercedes fa gara a sè, con Hamilton sempre davanti a Bottas di un secondo. Terzo Verstappen in solitaria, poi quarto Leclerc, quinto Sainz che apre un gruppetto fino a Vettel. Settimo un super Grosjean che non ha cambiato gomme e ha approfittato delle SC per risalire la classifica.
- Succede ben poco in pista. Prime quattro posizioni cristallizzate, dal quinto Sainz tutti vicini, sesto Norris, poi sempre Grosjean, Ricciardo, Stroll, Ocon e Vettel 11mo. Al giro 37 finalmente Grosjean cambia gomme, mentre Vettel si fa superare da Gasly e perde la top ten.
- Sembra tutto finito, poi a due giri dalla fine il finimondo. Si sfalda prima la ruota di Bottas al giro 50. Valtteri deve rientrare ai box e chiude fuori dalla top ten. Il giro dopo tocca a Sainz vedere la sua anteriore sinistra spaccarsi. Così in Red Bull fanno rientrare ai box Verstappen, montandogli la gomma rossa per il giro più veloce. Ma l'epilogo più incredibile è la rottura sempre della stessa gomma di Lewis Hamilton: l'inglese con le unghie e con i denti riesce comunque ad arrivare al traguardo su tre gomme, mentre Verstappen non riesce a passarlo in quanto ha perso tempo nel pit. Terzo Leclerc, poi Ricciardo. Vettel decimo davanti a Bottas.

La dichiarazione

Charles LECLERC: "Una gara fortunata per me. Abbiamo fatto il meglio possibile. Le gomme le ho gestite bene. La vettura non è ancora al massimo delle potenzialità. Difficile capire cosa sia successo alle gomme esplose".

La statistica chiave

1967 Jim Clark vince su tre ruote il GP degli Stati Uniti. Dopo oltre 50 anni la storia si ripete in maniera clamorosa.

Il momento social

Il migliore

Lewis HAMILTON: Dopo la fantastica pole di ieri arriva una corsa solida, con un ritmo super e con un finale incredibile. Sia chiara, non è stata una vittoria semplice: Bottas ha gareggiato sempre al massimo con tempi super, lui di conseguenza ha dovuto tirare, ma nonostante la pressione del compagno non ha mai commesso il minimo errore. Pilota sublime, un extraterrestre, ma anche fortunato guardando l'ultimo giro.

Il peggiore

Kimi RAIKKONEN: Quando vedi un campione del genere dietro anche alle due Williams, soprattutto a quella di Latifi, è un segnale di resa. Ormai sulla via del tramonto, sembra già un ex pilota. Un'era che si chiude.

7 aprile 1968, la misteriosa morte di Jim Clark: uno dei più grandi piloti della F1

Formula 1
Ferrari, dossier contro Red Bull per il budget cap
14 MINUTI FA
GP Spagna
Ferrari e aggiornamenti: obiettivo 3-4 decimi di incremento
UN' ORA FA