Il conto alla rovescia è cominciato. La F1 punta dritto verso il Mondiale 2021, un Mondiale che per la Ferrari di Mattia Binotto dovrà essere quello – quantomeno – della risalita. Intervenuto ai microfoni del podcast ufficiale della F1, quello che oggi è il team principal della scuderia di Maranello, ma che ha iniziato dal 1995 in poi con altre mansioni all’interno della “Rossa”, si è così espresso mettendo a confronto il Charles Leclerc di oggi con il Michael Schumacher di ieri: “Entrambi sono piloti di grande talento – ha affermato Binotto -,penso che Charles sia un driver davvero talentuoso dotato di velocità pura, sorpassi e difesa. Lui non si accontenta, cercherà sempre di fare di tutto per vincere, non gareggia per il secondo posto: in questo è molto simile a Michael”.
Dopo averli accostati, prova invece a tracciarne le differenze: “Charles – dice – è molto più giovane del ferrarista Michael. Leclerc si sta sviluppando come leader, e lo sta facendo bene, Schumacher era già un leader quando approdò in Ferrari“.
Poi una fotografia sul team: “Spesso mi capita di confrontare il team attuale al periodo tra il ’95 e il ’98. Oggi come allora stiamo investendo molto. Molti giovani ingegneri si stanno formando e diventeranno la base per il futuro, stiamo investendo in tecnologia e uomini“.
Formula 1
Binotto consacra Leclerc: “Uno dei migliori piloti al mondo"
19/01/2021 A 19:57
Infine una chiusura analitica sul presente e sul futuro: “Penso che ci sia l’impegno dell’intera azienda a cercare di costruire un ciclo vincente in futuro. Ci sono somiglianze tra oggi e venticinque anni fa? Sì, ci sono”.

Crozza, il nuovo personaggio è Binotto: "Crisi Ferrari? Colpa dell'antifurto"

Formula 1
Binotto: "Leclerc può sfidare Hamilton con la Ferrari giusta"
13/01/2021 A 19:29
GP Abu Dhabi
Vettel a Leclerc: "Sei il maggior talento che ho incontrato"
14/12/2020 A 12:34