Il 21enne è inevitabilmente paragonato al grande papà Michael, ma il ragazzo non si trova in difficoltà, come ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Bild am Sonntag: “Mio padre è stato il migliore che ci sia mai stato in questo sport, non vedo perché dovrei volermi staccare da lui”.

Il teutonico si è lanciato verso la prossima stagione: “Il mio obiettivo è imparare e capire il più possibile. Voglio crescere in fretta, voglio perdere meno tempo possibile. Non ci si può far intimorire (dai grandi nomi, ndr.). In fin dei conti sono esseri umani anche loro. Hanno fatto cose incredibili, gigantesche, in questo sport, ma nonostante questo bisogna imporsi, dare il massimo e guidare nella maniera più dura, seppur leale, possibile. Nelle altre categorie nelle quali ho guidato fino ad oggi, d’altronde, ho fatto proprio così“.

Formula 1
Maya Weug: ecco chi è la prima donna pilota per la Ferrari
IERI A 13:44

Il figlio d’arte ha poi concluso: “L’esordio a Melbourne penso che sarà molto emozionante. Mia mamma Corinna sarà felicissima. Lei è la mia interlocutrice numero uno, è sempre la prima a chiamarmi. Quando sono stato promosso in Formula 1 mi ha detto che sapeva che il momento sarebbe arrivato. Mi è sempre sembrata molto fiduciosa sul mio percorso di crescita. In realtà però ha sempre avuto ragione”.

Formula 1
Mondiale 2021: come si chiameranno le monoposto? I nomi
22/01/2021 A 10:46
Formula 1
Vettel: "Decisione Ferrari? A me non cambia nulla"
20/01/2021 A 11:23