La domanda è la seguente: cosa funziona allo stato attuale delle cose in Binotto: "La Ferrari è forte con la strategia. Potevamo vincere 5 gare in più"? La macchina e i piloti. Non è cosa da poco, anche se come si è potuto appurare non è sufficiente per contrastare l’accoppiata Red Bull-Max Verstappen. Le strategie a Maranello, infatti, non sono state perfette, per usare un eufemismo e a farne le spese sono stati soprattutto i piloti, con Leclerc a essere un po’ “vittima” di quanto fatto al muretto dai tecnici ferraristi. Tuttavia, al di là delle disavventure, l’interazione tra Charles è lo spagnolo è funzionale alla crescita del team.
Un fattore importante sottolineato dallo stesso Sainz in un’intervista al sito ufficiale della F1: “Leclerc è un riferimento in squadra, è una persona con cui vado d’accordo. Sono consapevole della sua velocità e ho imparato molto dal suo metodo di lavoro con la squadra. Per questo, non ho problemi con lui“, ha spiegato l’iberico. La convergenza di opinioni tra i due ha portato a seguire una linea di lavoro comune, fattore importante per lo sviluppo della monoposto. Ci si augura che questi aspetti positivi siano sempre in maggioranza rispetto alle mancanze della prima parte dell’annata.
Formula 1
Red Bull nei guai? Avrebbe sforato il Budget Cap nel Mondiale 2021
2 ORE FA

Leclerc: "Scelta gomme hard, errore che non ho capito. Perché?"

GP Singapore
🏎️ Singapore per tornare a vincere ma la direttiva 039 azzoppa la Ferrari
18 ORE FA
GP Singapore
Verstappen: “Non penso al titolo ma a gara per gara senza fretta”
19 ORE FA