Nel 2018 era calato il sipario, ma il fuoco è sempre accesso. Fernando Alonso ha ripreso la sua avventura in F1 nel GP del Bahrain, primo round del Mondiale 2021.
Al volante dell’Alpine, Nando ha dimostrato di saperci fare, portando l’A521 nella top-10 delle qualifiche e battagliando come un leone nelle prima fasi della corsa con macchine più prestazionali della sua. Purtroppo per lui, dopo 32 giri, è arrivato un problema tecnico che l’ha costretto al ritiro anche se la bontà della sua condotta in pista resta.
GP Stati Uniti
Verstappen avvisa Hamilton: ad Austin la Red Bull vince di testa
5 ORE FA
E’ stato bello vivere l’adrenalina del via e tutte le procedure. Sono stati momenti molto emozionanti per me“, ha rivelato l’iberico a MotorsportWeek.com. La soddisfazione per le battaglie in pista è evidente proprio per il modo in cui Alonso ha corso, anche se come sottolineato da lui stesso è necessario anche ritrovare certi meccanismi: “Ho bisogno di trovare più ritmo da me stesso e di estrarre di più dalla macchina e dai freni“.
Un primo step, dunque, per il due volte iridato che si augura nel corso della stagione di avere a disposizione una monoposto sempre più competitiva, che possa consentirgli di esprimere tutto il suo talento.

Alonso, Schumacher, sprint race: le novità della F1 2021

GP Stati Uniti
Pagelle GP USA: Verstappen vince da veterano, Leclerc superbo
18 ORE FA
GP Stati Uniti
Leclerc: "Passi avanti, una delle migliori gare dell'anno"
18 ORE FA