Un grande Max Verstappen ha ottenuto la pole-position del GP di Abu Dhabi, ultimo round del Mondiale 2020 di F1. Sul tracciato di Yas Marina l’orange ha saputo fare la differenza nella Q3, ottimizzando il tutto nell’ultima parte e realizzando un crono sufficiente per battere le due Mercedes del finlandese Valtteri Bottas e del britannico Lewis Hamilton, campione del mondo in carica e tornato alla guida della Mercedes dopo la positività al Covid-19.
Una prestazione, quindi, di alto profilo per Max che così ha ottenuto la terza p.1 in carriera, interrompendo anche la serie positiva della Stella a tre punte nell’attacco al tempo su questo circuito. La RB16, infatti, ha fatto vedere un’ottima velocità sia nei tratti veloci che in quelli più guidati e quindi pensare al successo domani non è certo una chimera. In questo senso, Verstappen ha grandi motivazioni per far bene, visto anche quanto è accaduto nel penultimo round in Bahrain.
Prima delle qualifiche sapevo che era l’ultima sessione della stagione, ci siamo riusciti a fare la pole. Qualifica complicata all’inizio, non trovavo il ritmo, ma alla fine sono riuscito a fare tutto. Una stagione lunga per tutti, con tante gare consecutive. Penso sia stata un’ultima qualifica positiva per tutti. Per tutto l’anno quando sei dietro e cerchi di avvicinarti, diventa frustrante. Non abbiamo fatto tanti giri nelle prove, dobbiamo capire come andrà. Le Mercedes sono veloci, ma daremo tutto“, le parole del pilota della Red Bull.
GP Stati Uniti
GP degli Stati Uniti 2021 in Diretta tv e Live-Streaming
18/10/2021 A 10:52
Instagram
Complicata la prova per le Ferrari. Come sempre analisi lucida di Charles Leclerc: "Onestamente non so spiegarmi perché nella Q3 con le soft andavo così male: nel secondo e terzo settore perdevo molto, già facendo un confronto con la Q1. Dovrò analizzare i dati. La prestazione in Q2 è stata buona, ma non è una sorpresa, però sappiamo che ci aspetta una gara difficile visto quanto è accaduto in Bahrain. Inutile pensare al passato, la mia attenzione è rivolta a domani perché voglio fare una bella gara e chiudere al meglio l’anno. Sarà difficile, ma io ci proverò come sempre".
Dispiaciuto anche Sebastian Vettel: "Sono migliorato rispetto al giro precedente, ma l’ho fatto meno di quanto ci si aspetta tra le due mescole. Ero abbastanza contento delle mie qualifiche, l’ultimo è stato un giro discreto, forse potevo fare meglio di mezzo decimo o un decimo. La gara di domenica? Si prospetta come una gara dolorosa e difficile dal punto di vista sportivo, ma sarà l’ultima e non vedo l’ora di salire in macchina. Sarà una gara speciale per me ma anche per le persone che mi sono state vicine in questi anni, meccanici e ingegneri. Sarà sicuramente una gara speciale per tutti noi".
Lewis Hamilton ci proverà, come sempre: "Sono molto grato di essere qui per cercare di chiudere al meglio la stagione. Riprendere il ritmo è difficile. Ho faticato davvero tanto ed ho dato tutto. Complimenti a Max che chiude al meglio questa particolare annata. Domani ci darà del filo da torcere. Era meglio conquistare la pole-position. Superare non è semplice in questa pista, ma in termini di strategia possiamo giocarcela. La partenza ed il primo stint saranno fondamentali. In termini di strategia possiamo giocarcela. Solitamente una sosta è la scelta migliore perché la pit lane è lunga e si perde molto tempo".
giandomenico.tiseo@oasport.it

Da Lauda a Grosjean, gli incidenti miracolosi della F1

Gran Premio di Turchia
Le pagelle: finalmente Bottas e Perez, motore Ferrari promosso
10/10/2021 A 15:54
Gran Premio di Turchia
Leclerc: "Pit stop troppo tardi", Binotto: "Tentato l'azzardo"
10/10/2021 A 15:17