Cambiano le insegne, dalla Stiria all'Austria, ma non la musica: Max Verstappen domina e vince il Gp d'Austria a Spielberg,. Hamilton, 4° dietro Bottas e Norris dopo alcuni problemi accusati nella seconda parte di gara, vede l'olandese volare via in classifica, e appare sempre più disarmato di fronte ad una Red Bull che sembra non avere punti deboli. Buon 5° posto per la Ferrari di Carlos Sainz, che sfrutta una penalizzazione inflitta a Perez (6°). All'8° l'altra rossa di Leclerc, sopravanzata dal redivivo Ricciardo. I voti del Gp d'Austria, nona prova del Mondiale 2021 di F1 sul tracciato di Spielberg
Max Verstappen (Red Bull) 1° classificato: voto 8 - Si è messo in modalità Red Bull King all'inizio del week end della Stiria ed non ne è uscito fino all'ultimo giro del Gp d'Austria. Letteralmente chirurgico nel piazzare una doppietta che è una mazzata sopra ogni previsione per la Mercedes e per Hamilton, che lo vede scappare in classifica.
https://i.eurosport.com/2021/07/04/3167172.jpg
GP Austria
Hamilton: “Ci rifaremo presto, uniti per lottare fino alla fine”
05/07/2021 A 11:56
Valtteri Bottas (Mercedes) 2° classificato: voto 6 - Lo Spielberg gli piace fin dai tempi della Williams, e a onor del vero non ha fatto male né la settimana scorsa, né in questo week end. Sta provando a tenersi il volante Mercedes, magari con la speranza che il prolungamento di Hamilton gli dia una mano. I punti di distacco da Lewis, rispetto a quelli di Perez da Verstappen, gli darebbero anche ragione. Ma George Russell spinge.
Lando Norris (McLaren) 3° classificato: voto 8 - Impressionante in qualifica, dove piazza la propria McLaren a pochi millesimi dalla pole di Verstappen, e solidissimo in gara. Persino adombrato a fine gara per la convinzione di aver perso un possibile secondo posto. MVP di giornata.
Lewis Hamilton (Mercedes) 4° classificato: voto 5 - E' decisamente in uno dei momenti più delicati della sua lunga carriera. A dispetto del rinnovo con la Mercedes, si ritrova in situazione inedita con un avversario al momento inavvicinabile ed un compagno di squadra che, nelle ultime due uscite, ha fatto anche meglio di lui. Il calo nella seconda parte di gara è stato conseguenza di problemi di bilanciamento sul fondo, magari anche per qualche suo passaggio troppo pesante sui cordoli. Lewis vorrebbe aggiornamenti che non è detto potrà avere, ogni milione di dollari investito in sviluppi verrebbe sottratto all'ormai preponderante progetto 2022, e non è detto che la firma sul contratto sia un antidoto alle possibili tensioni con Toto Wolff. Silverstone non sarà un'ultima spiaggia, ma inizierà ad assomigliarle parecchio.
Carlos Sainz (Ferrari) 5° classificato: voto 7,5 - Gran gara di Carlos, che sceglie di partire con gomme bianche dure per andare più lungo di tutti e recuperare posizioni. Nel finale, con gomme medie fresche, gli viene concessa dal muretto la posizione di Leclerc e lui la legittima portando a Ricciardo l'attacco che Charles non poteva più portare. Poi si tiene sotto i 10" da Perez per sfruttare la penalità del messicano e soffiargli la 5^ posizione, massimizzando il risultato della Ferrari. Solita e riconosciuta grande visione di gara.
https://i.eurosport.com/2021/07/02/3165704.jpg
Sergio Perez (Red Bull) 6° classificato: voto 4 - Era riuscito finalmente ad andare forte anche in qualifica, stando davanti alle Mercedes, ma si è reso la gara al solito caotica con l'uscita sulla ghiaia alla ripartenza della Safety car e poi negli eccessi di difesa su Leclerc. La doppia penalizzazione gli costa il 5° posto, il divario da Verstappen sta diventando un'autostrada.
Daniel Ricciardo (McLaren) 7° classificato: voto 6 - Qualifica disastrosa, ma Daniel ritrova il filo in gara sfruttando bene il caos dei primi giri e tenendo poi un buon passo. Cede a Sainz nel finale, ma respira dopo una settimana in apnea.
Charles Leclerc (Ferrari) 8° classificato: voto 7 - Qualifica e risultato finale insipidi, eppure la solita gara generosa, in cui è sempre pronto a innescare duelli entusiasmanti ed a piazzare sorpassi ineccepibili. Perde la posizione su Perez e Ricciardo più per le tempistiche imposte dal team che per colpa sua. Certo però questo Sainz comincia a dargli fastidio più di quanto temesse.
Fernando Alonso (Alpine) 10° classificato: voto 7,5 - Dopo lo spavento in qualifica, rientra in zona punti con una gara gagliarda ed un gran sorpasso all'ultimo giro su George Russell. Sembra che ovunque i ragazzini stiano facendo ombra alla 'old school'. Fernando ama ancora metterli in riga.
Team Ferrari: voto 5,5 - Ok la scelta di sacrificare il sabato, ok il passo gara ed il degrado gomme che, in condizioni normali, permettono di risalire la china. Ma se sui circuiti cittadini la coperta era corta in gara, su quelli tradizionali è corta in qualifica, e soprattutto l'Austria ha fatto emergere qualche difficoltà di troppo sul dritto. Mettendo tutto insieme il terzo posto nel Costruttori è attaccabile, ma al momento il binomio Lando Norris-power unit Mercedes sembra avere qualche colpo in più. Per di più la prossima gara si correrà a Silverstone, dove serve velocità anche sui curvoni in appoggio (ed in Francia andò piuttosto male), mentre dal calendario è stato cancellato il Gp di Singapore, unica occasione in cui era possibile sperare di replicare Montecarlo. Obiettivo Ungheria, ma va trovato un punto di equilibrio perl'utilizzo ottimale delle gomme.
Commissari di gara Gp d'Austria: voto 4 - Detto che cambiare i commissari ad ogni gara è già di per sé una follia, le penalità inflitte nel Gp d'Austria sono apparse davvero esagerate. Soprattutto quella a Norris per la difesa su Perez, visto che fra le due macchine c'è sempre stato uno spazio di almeno mezzo metro. Più libertà in pista e soprattutto maggiore uniformità di giudizio possono solo fare bene. Domenicali, da ex team principal, non può che esserne consapevole.
.

Hamilton: "Inclusione e diversità, è il momento di fare"

GP Austria
Verstappen non sbaglia più, il Mondiale è nelle sue mani
05/07/2021 A 09:42
GP Austria
Sainz: "Ferrari veloce in curva, non lontani da Red Bull"
04/07/2021 A 19:37