Max Verstappen raddoppia e sette giorni dopo la Stiria mette la sua Red Bull in pole position anche per il Gp d'Austria, nona prova del Mondiale di Formula 1 2021. In prima fila a fianco dell'olandese partirà uno straordinario Lando Norris, staccato di soli 48 millesimi con la sua McLaren. Poi l'altra Red Bull di Sergio Perez e quindi le due Mercedes, per le quali la qualifica è stata una vera e propria mazzata. Il team di Toto Wolff sperava di accorciare rispetto ai diretti rivali, si è ritrovato invece ancora più indietro e con una prospettiva di gara tutt'altro che incoraggiante. Peggio ancora è andata alla Ferrari, fuori in Q2 con entrambe le macchine, ma quella di Maranello, seppur paradossale, potrebbe essere una scelta strategica.

La griglia di partenza

GP Austria
Hamilton: “Ci rifaremo presto, uniti per lottare fino alla fine”
05/07/2021 A 11:56
VerstappenRed Bull1'03"720
NorrisMcLaren+ 0.048
PerezRed Bull+ 0.270
HamiltonMercedes+ 0.294
BottasMercedes+ 0.329
GaslyAlpha Tauri+ 0.387
TsunodaAlpha Tauri+ 0.553
VettelAston Martin+ 0.850
RussellWilliams+ 0.871
StrollAston Martin+ 0.898

Max Verstappen dopo la pole position conquistata nelle qualifiche del GP Austria - F1 Mondiale 2021

Credit Foto Getty Images

Ferrari, tutto sulle gomme medie

Il Cavallino ha infatti scelto di fare entrambi i tentativi della Q2, quella che decreta la scelta delle gomme per la prima fase del Gp, con mescole gialle, nonostante fosse evidente il rischio di vedersi entrambe le macchine eliminate. Una mossa voluta, che rientra nel paradigma inaugurato la scorsa settimana volto a sacrificare qualcosa in qualifica per avere un buon passo in gara. Per di più, con mescole più morbide rispetto a sette giorni fa, le gomme rosse sono poco utilizzabili in gara, la scelta di partire con gomma gialla per fare una sola sosta rientra in questa logica, considerato che chi davanti parte con gomme morbide (Aston Martin e Alpha Tauri) dovrà quasi certamente fermarsi due volte. Un azzardo, evidentemente, ma un azzardo figlio dei dati raccolti la scorsa settimana, che impedivano evidentemente di avere particolari velleità in qualifica. Un fattore però preoccupa: George Russell, 9° con la Williams, ha passato con gomme gialle il taglio che le Ferrari non hanno passato, e farà anche lui una sola sosta (pioggia permettendo).

La Ferrari di Charles Leclerc durante le qualifiche del Gran Premio d'Austria di F1 - Mondiale 2021

Credit Foto Getty Images

Momenti chiave

Ocon saluta in Q1 - Ormai ci sta facendo l'abitudine: mentre il compagno Fernando Alonso volava col 3° tempo, il francese finiva eliminato in Q1 prendendosi un secondo dallo spagnolo. Una crisi preoccupante quella del francese contrattualizzato per i prossimi tre anni.
Q2: addio Ferrari e brivido Alonso - Come detto la Ferrari sceglie di andare sulle gialle privilegiando la gara, e le rosse non entrano nei primi 10. Non ci entra nemmeno Fernando Alonso, ma solo perché si ritrova l'Aston Martin di Vettel quasi ferma fra le ultime due curve prendendosi anche un bello spavento. Era la zona critica per le qualifiche, e i piloti ne avevano parlato parecchio. Sembra più che altro un errore del team Aston Martin, ma è probabile che verrà penalizzato Vettel.
Q3: SuperLando spaventa tutti - Pole position secondo pronostico a Max Verstappen, ma mai come quest'oggi l'olandese ha tremato davanti al tempo di Lando Norris, staccato di soli 48 millesimi. In Q3 emergono anche le difficoltà della Mercedes, che si ritrovano davanti una McLaren oltre alle due Red Bull.

Fernando Alonso durante le qualifiche del Gran Premio d'Austria - F1 Mondiale 2021

Credit Foto Getty Images

I TOP

Lando Norris - Semplicemente strepitoso: a un niente dalla pole position, e qualificato in Q2 con gomme gialle mentre il compagno Ricciardo veniva eliminato sulle rosse. Peraltro mette in crisi la Mercedes, che fa illazioni sul motore Honda ma si ritrova poi un proprio motorizzato davanti e a 48 millesimi da Verstappen.
Max Verstappen - Carico, concentratissimo, implacabile dopo essersi forse un po' nascosto nelle libere di venerdì. E domani avrà anche il compagno Perez davanti alle Mercedes. Momento d'oro.
George Russell - Settimana scorsa lo ha tradito la macchina quando era in zona punti, oggi si è guadagnato la Q3 eliminando le Ferrari a parità di gomme. Nella new wave della Formula 1 c'è anche lui, e npn vede l'ora di dimostrarlo.

I FLOP

Esteban Ocon - Incomprensibile come fosse veloce e consistente prima della firma sul contratto e completamente fuori fase ora. Altra eliminazione in Q1 in sette giorni, a casa Renault non saranno per nulla contenti.
Daniel Ricciardo - E' ancora notte fonda: 15° ed eliminato in Q2 mentre Norris vola in prima fila. Non 'sente' la macchina, ma ora il problema rischia di divenire endemico.

LA STATISTICA

Per dare una misura dell'impresa di Russell e del momento storico della Ferrari, era dal Gp di Russia 2015 che una Williams non si metteva dietro due rosse in qualifica: allora Bottas fu terzo davanti a Vettel e Raikkonen.

Hamilton: "Continuiamo a combattere contro il razzismo"

GP Austria
Verstappen non sbaglia più, il Mondiale è nelle sue mani
05/07/2021 A 09:42
GP Austria
Sainz: "Ferrari veloce in curva, non lontani da Red Bull"
04/07/2021 A 19:37