Red Bull e Ferrari rispondono presente, la Mercedes svanisce. In questo modo si potrebbe riassumere la seconda sessione di prove libere del Gran Premio dell’Azerbaijan, sesto appuntamento del Mondiale di F1 2021. Sul tracciato cittadino di Baku, l’asfalto si gomma minuto dopo minuto ed i tempi scendono rapidamente (circa un secondo rispetto alla mattinata) ribadendo come la monoposto di Milton Keynes abbia la chiara intenzione di dominare la scena anche sulle sponde del Mar Caspio, dopo l’ottimo fine settimana di Monaco, mentre la Ferrari si conferma ad ottimi livelli dopo quanto messo in scena nella FP1, a differenza di una Mercedes che, per diversi motivi, sta faticando. La W12 appare nervosa e fa fatica a mandare in temperature le gomme, ma il team di Brackley potrebbe, come sempre, nascondersi e giocare al "gatto con il topo".
La sessione pomeridiana si chiude con il miglior tempo del messicano Sergio Perez (Red Bull) in 1:42.115 con una RB16B che appare efficace sul dritto e, come sempre, eccellente nel tratto misto. Alle sue spalle, a soli 101 millesimi, il suo compagno di scuderia Max Verstappen. L’olandese ha messo a segno i migliori T1 e T2, ma Perez, evidentemente, è stato in grado di fare la differenza nel settore veloce. Ottima terza posizione per Carlos Sainz (Ferrari) in 1:42.243 a soli 128 millesimi, mentre è quarto Charles Leclerc in 1:42.436 a 321. Il monegasco, tra l’altro, nel suo secondo tentativo con la gomma soft (e dopo aver segnato un parziale record) è andato a sbattere in curva 15, distruggendo l’ala anteriore, ma tornando comunque ai box senza dover interrompere la sua FP2.
GP Azerbaigian
FP1, solo Verstappen davanti alle Ferrari! 2° Leclerc a 0.043
04/06/2021 A 09:55
Quinto crono per il francese Pierre Gasly (Alpha Tauri) in 1:42.534 a 419 millesimi, davanti ad un pimpante Fernando Alonso (Alpine) sesto in 1:42.693 a 578 millesimi dalla vetta, confermando come la vettura francese stia continuando a mettere a segno miglioramenti sotto ogni punto di vista. Settimo tempo per un brillante Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) in 1:42.941 a 826 millesimi, davanti al britannico Lando Norris (McLaren) ottavo a 903, quindi nono il francese Esteban Ocon (Alpine) a 905, mentre chiude la top10 il giapponese Yuki Tsunoda (Alpha Tauri) a 1.015.
E le Mercedes? L’andamento di questa FP2 ha del clamoroso, con entrambe le Frecce Nere addirittura fuori dalla top10. Lewis Hamilton è solamente undicesimo a 1.041 da Perez, mentre Valtteri Bottas è addirittura sedicesimo a 2.069. Risultati mai visti prima. La W12 non appare nelle sue edizioni migliori, ma la sensazione (nettissima) è che il team di Brackley stia ampiamente nascondendo le proprie carte. Dopotutto, quando si è trattato di pensare alle simulazioni di passo gara, il sette volte campione del mondo procedeva spesso sul passo dell’1:46 medio, ai livelli delle Red Bull che, anche in questo caso, sembrano imprendibili, con la Ferrari leggermente più indietro e con qualche problema a livello di gestione degli pneumatici.

Ferrari, Mercedes, Red Bull: le macchine del Mondiale F1 2021

GP Stati Uniti
GP degli Stati Uniti 2021 in Diretta tv e Live-Streaming
18/10/2021 A 10:52
Gran Premio di Turchia
Le pagelle: finalmente Bottas e Perez, motore Ferrari promosso
10/10/2021 A 15:54