Doveva essere il Gran Premio della rinascita per la Ferrari e per Charles Leclerc dopo l’occasione sciupata al Montmelò e la scellerata strategia al muretto box pagata con un misero quarto posto a Montecarlo, invece la gara di Baku si rivela quello dello sprofondo rosso per la Casa di Maranello che vede ritirarsi per problemi di affidabilità entrambi i propri piloti dopo nemmeno metà gara, inanellando un doppio zero pesantissimo sia in ottica battaglia per il Mondiale piloti che per quello costruttori. E a godere è la Red Bull che consolida con Max Verstappen la leadership nella classifica piloti e anche il primato nella classifica costruttori.

Leclerc out mentre era leader

Se a Barcellona tre settimane fa il problema alla power unit si era materializzato al 27° giro, questa volta il motore della Ferrari SF-75 di Leclerc ha ceduto mentre stava affrontando il 21° delle 51 tornate disponibili. Charles, bruciato in partenza da Perez, ma scaltro a sfruttare l’ingresso della virtual safety car per effettuare il pit stop, dopo il problema occorso al compagno di squadra Sainz, si era riappropriato da pochissimi giri della leadership del GP gestendo le gomme bianche più usurate rispetto all’agguerrita coppia di piloti Red Bull, Verstappen-Perez. Purtroppo però una nuvola bianca di fumo lo ha costretto a rallentare, costringendolo al secondo pesantissimo ritiro della stagione.
GP Monaco
Caos Ferrari: bene le due punte, ma chi è il rigorista?
30/05/2022 ALLE 07:49
E così per il 3° GP consecutivo, Leclerc deve mordersi la lingua e incassare un’altra delusione perché col potenziale di recuperare punti preziosi nella rincorsa a Max e alla Red Bull, il monegasco rimedia un’altra batosta pesantissima per il morale e soprattutto in ottica titolo mondiale. Un’amarezza che a caldo gli fa ammettere: “Sono tre gare che la competitività c’è ma non abbiamo il risultato finale. Queste battute d’arresto sono delle batoste per il campionato, 25 punti sono tanti e fanno male. Questa volta proprio non riesco a trovare un lato positivo della gara”.

Sainz tradito da un problema idraulico al giro 9!

E’ durata solamente 9 giri il Gran Premio dell’Azerbaijan di Carlos Sainz. Scattato dalla seconda fila (4ª casella in griglia), lo spagnolo della Ferrari ha mantenuto la propria posizione alle spalle di Perez, Leclerc e Verstappen mantenendosi a debita distanza dalla Mercedes di George Russell. Al 9° giro però un problema indraulico lo ha costretto a rallentare e a parcheggiare la propria SF-75 alla curva 4.

Carlos Sainz fermo alla curva 4, GP Azerbaijan, Twitter @F1

Credit Foto Twitter

"Qualcosa non va” il messaggio criptico e stringato rilasciato dal driver spagnolo al box Ferrari, che scende dalla propria monoposto e rientra mesto in corsia box tradito da un problema tecnico che gli costa il terzo ritiro in 8 gare. Una domenica da dimenticare per Sainz che arrivava dal 2° posto a Montecarlo e sperava di poter lottare fino in fondo con le Red Bull per il quinto podio stagionale.

Il rammarico di Leclerc: "E' stato un disastro, dobbiamo migliorare"

GP Azerbaigian
Comunicato Ferrari: "La power unit di Charles Leclerc sarà valutata oggi"
15/06/2022 ALLE 11:09
GP Azerbaigian
Mazepin: “I risultati di Mick Schumacher? Parlano da soli”
15/06/2022 ALLE 10:48