Lewis Hamilton (pilota Mercedes, 1°) voto 8 - Da tre anni chiede a gran voce una sfida vera che vada oltre il compagno di scuderia, la prima uscita stagionale sembra aver esaudito il suo desiderio: la Red Bull e Max Verstappen sono finalmente avversari degni, Lewis l'ha capito ed ha subito sfoderato una gara da maestro. Senza il "giallo" della restituzione della posizione avrebbe perso, ma senza la sua consistenza e la sua abilità nel gestire una strategia forzata la Mercedes difficilmente avrebbe potuto giocarsela con la Red Bull. Il vino buono che invecchia bene.
Max Verstappen (pilota Red Bull, 2°) voto 8,5 - Ha fatto tutto quello che doveva fare per provare a battere Hamilton, dalla perfetta qualifica di sabato al corpo a corpo finale con la Mercedes dell'inglese. Per quanto gli consta, la gara l'ha vinta. Poi si capirà se la restituzione della posizione fosse un atto dovuto o se il team gli abbia tolto un successo che aveva inseguito con rabbia entusiasmante. Passata la burrasca, sarà comunque consapevole di avere finalmente una macchina in grado di lottare per il Mondiale. Rampa di lancio.
GP Bahrain
Sainz: "Risultato non speciale, servirà un po' di tempo"
28/03/2021 A 18:05
Valtteri Bottas (pilota Mercedes, 3°) voto 5,5 - La colpa del distacco dai primi due non è sua ma di un problema con la gomma anteriore destra, che gli ha fatto perdere una decina di secondi al pit stop. Tuttavia l'impressione è che, arrivato Verstappen a livello Mercedes, il finlandese sia più tagliato per fare da spettatore alla lotta fra i due campioni che non per parteciparvi in prima persona. Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare, e Valtteri un duro non sembra proprio esserlo. Comprimario per natura.

Problemi nel pit stop per Valtteri Bottas, GP Bahrain, F1 2021, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Sergio Perez (pilota Red Bull, 5°) voto 7,5 - In qualifica non ha brillato, anche perché la scelta del team di fargli provare la Q2 con gomme gialle era forse affrettata con così pochi chilometri di esperienza al volante della Red Bull. Ma in gara, partito dalla corsia box per un problema nel giro di formazione, ha sfoderato un'altra delle rimonte che lo scorso anno gli sono valse la chiamata di Helmut Marko. Pilota solido, finalmente in grado di aggiungere punti pesanti a quelli di Super Max. Seconda giovinezza.
Lando Norris (pilota McLaren, 4°) voto 7 - Con tutta l'attenzione rivolta a Daniel Ricciardo, il giovane Lando è stato invece il leader della McLaren, con una gara di grande vigore e priva di sbavature. Vince la 'gara degli altri' dietro Mercedes e Red Bull, tenendosi alle spalle il compagno di scuderia e le due Ferrari. Piace, ed è destinato a piacere sempre di più.
Charles Leclerc (pilota Ferrari, 6°) voto 7 - Di più era impossibile chiedergli: seconda fila in qualifica, solito leone nei primi giri di gara, poi deve giocoforza adattarsi al ritmo di una Ferrari ritrovata ma ancora lontana dall'essere vincente. Il ruolo di leader tecnico sembra potergli calzare.

Charles Leclerc, Ferrari, GP Bahrain, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Carlos Sainz (pilota Ferrari, 8°) voto 6 - Non veloce come il compagno, né in qualifica né in gara, ma con le attenuanti del caso. Ha scelto il paradigma della prudenza, soprattutto nei primissimi giri, ed ha fatto bene. Il feeling con la nuova macchina verrà col tempo, intanto è importante che risaltino le sue qualità: solidità, sangue freddo (notevole il sorpasso in due fasi su Stroll per sfruttare due volte il DRS) e capacità di portare sempre a casa punti. Diligente.
Yuki Tsunoda (pilota Alpha Tauri) voto 8 - Già velocissimo nelle libere e in qualifica (prima dell'azzardo gomme che lo ha escluso dalla top ten), si conferma in gara. Con Gasly subito fuori per un contatto, è lui a portare a casa punti importanti per il team Alpha Tauri. E' il primo nato nel 2000 a sbarcare in Formula 1, e al di là della competitività della macchina sembra decisamente più pronto rispetto agli altri rookie Mazepin e Schumacher. Del resto è uno che ha bruciato le tappe in tutte le categorie, e in Giappone non si registrava un interesse simile per un pilota del Sol Levante dai tempi di Satoru Nakashima. Talento vero.

Gran gara e primi punti per Yuki Tsunoda, Alpha Tauri, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Sebastian Vettel (pilota Aston Martin) voto 4 - Ok, in qualifica è stato anche sfortunato, con quella bandiera gialla ad impedirgli un giro pulito per passare lo scoglio della Q1. Ed in gara il ritmo non era male, considerata la strategia per andare più lungo possibile. Ma quell'inopinato tamponamento alla Alpine di Ocon in staccata di curva 1 è francamente incomprensibile per un quattro volte campione del mondo. Nervoso, poco lucido e forse ora anche impaurito.

Vettel, 14 anni di soprannomi alle monoposto: da Gina a Bond Girls

Nikita Mazepin e Mick Schumacher (piloti Haas) voto 3 - Voto che merita anche il team, che ha scelto una line up composta da due debuttanti. Però non riuscire a compiere più di due giri senza andare in testacoda è circostanza preoccupante per gli ex ragazzi terribili della Formula 2. Specie nel paragone con Tsunoda. La Haas ha scelto di non spendere gettoni sul 2021 per presentarsi al meglio nel 2022, quanto meno i piloti ne approfittino per fare più chilometri possibile. Scottati.

Nikita Mazepin esce dal suo abitacolo dopo l'incidente al primo giro del GP del Bahrain

Credit Foto Getty Images

GP Bahrain
Leclerc: "La Ferrari è migliorata rispetto al 2020"
28/03/2021 A 17:51
GP Bahrain
Hamilton trionfo show, Verstappen 2° e beffato. Leclerc 6°
28/03/2021 A 14:45