La Ferrari torna ad accarezzare la vittoria al GP del Canada, non con Leclerc ma con Carlos Sainz. Prestazione notevole del 27enne spagnolo, che risponde prontamente alle critiche con una solida gara terminata alle spalle di Max Verstappen. L'olandese della Red Bull tuttavia non ha avuto vita facile: l'ingresso della safety car nell'ultima parte di gara per l'incidente di Tsunoda ha permesso di ricompattare il gruppo, in questo modo Sainz ha potuto tentare l'assedio sul campione in carica nella speranza di ottenere la prima vittoria in carriera, ma il leader del campionato è riuscito a difendere il comando alla perfezione. Applausi in casa Ferrari anche per Charles Leclerc, capace di rimontare dall'ultima fila al quinto posto, guadagnando punti preziosissimi nei confonti di Perez, ritiratosi per problemi meccanici. Insomma, il Cavallino Rampante torna da Montreal col bicchiere mezzo pieno, nonostante la classifica pianga ancora.

Sainz: "Le ho provate tutte per vincere"

GP Canada
Sainz: "Sono stato l'uomo più veloce in pista, è un peccato"
20/06/2022 A 13:52
"Ho spinto a tutta e non ho lasciato nemmeno un centimetro in frenata o vicino ai muretti. Le ho provate tutte per provare ad attaccare Max Verstappen ma non c’è stato verso, non avevo abbastanza velocità per avvicinarmi del tutto al tornantino e sfruttare al massimo il DRS" le prime parole di Sainz una volta uscito dalla sua Ferrari. "Siamo molto contenti del passo gara che avevamo a disposizione, siamo stati in grado di mettere pressione a Max fino alla fine e penso che le tempistiche del pit-stop siano state giuste. Ci siamo arrivati vicini oggi, ma ci è mancato qualcosa. Mi prendo gli aspetti positivi di questo weekend e ci riproveremo sin dal prossimo appuntamento".

Leclerc: "Il quinto posto era il massimo, ma non si può essere contenti"

Anche Charles Leclerc guarda il lato positivo di aver recuperato quattordici posizioni rispetto alla partenza, anche se il quinto posto gli sta stretto. Così il monegasco ai microfoni di Sky Sport: "All’inizio era molto stressante, ero nel treno DRS e non si poteva fare niente, bisognava essere pazienti. Poi avevo davanti Ocon e facevo fatica con la trazione, quando avevamo finalmente il gap sul gruppo per fermarci abbiamo avuto un problema con il pit-stop e ho perso quattro posizioni. Lì mi sono divertito con i sorpassi e ho preso dei rischi. Considerando queste condizioni il quinto posto era il migliore risultato possibile, ma non posso essere contento. Guardiamo avanti, a Silverstone puntiamo alla vittoria e a prendere punti".

Sul Mondiale piloti: "Ci penso ancora, la macchina è performante"

"Se ho ancora la testa al Mondiale? Ma certo, ci sono 49 punti, due vittorie ed è fatta - ironizza - non è facile però noi ci concentriamo su noi stessi, non siamo gli unici ad avere problemi di affidabilità. Non vuol dire che siamo a posto, ma la macchina è performante e se spingiamo possiamo tornare davanti. Ce la faremo".
Infine un'opinione riguardo al ritiro di Perez e il giallo affidabilità anche in casa Red Bull: "Non posso giudicare quello che sta succedendo nel loro team, però sicuramente un po' tutti hanno dei problemi a destra e sinistra. Vedo che sta tornando anche la Mercedes, quindi stiamo attenti".

Leclerc-Verstappen, le tappe del dualismo che infiamma la nuova F1

GP Canada
Verstappen: "E' stata dura. Eravamo in difficoltà rispetto alla Ferrari"
20/06/2022 A 13:22
GP Canada
Hamilton: "Tornare a Montreal è una delle sensazioni più belle dell'anno"
20/06/2022 A 13:18