Il riferimento è alla doppia pole-position di Monaco e di Baku (Azerbaijan) dove anche Leclerc ci ha messo del suo, tirando al 101% la propria vettura. Tuttavia, in gara, la Rossa ha confermato le sue criticità: altro degrado delle mescole e consumo eccessivo del motore rispetto ai rivali, con ripercussioni chiari nella gestione del ritmo.
Problematiche note che devono invitare i tecnici a lavorare ancora di più per estrarre il meglio da un progetto con deficienze strutturali, su cui per i regolamenti non è possibile intervenire come si vorrebbe. Il tracciato transalpino, da questo punto di vista, sarà una bella sfida per la Ferrari, caratterizzato da zone di grande accelerazione e altre più guidate.
Questa pista ha diverse curve medio veloci. Dobbiamo cercare, passo dopo passo, di migliorare la performance e raccogliere il massimo dalla nostra monoposto. La pole di Baku è stata una grande sorpresa, mentre in gara sapevamo esattamente cosa aspettarci“, le parole del pilota nativo del Principato. In questo contesto, il legame fino al 2024 con la Rossa è molto solido e il suo interesse tutto focalizzato sulla pista: “Dei miei interessi si occupa al 100% Nicholas Todt, io sono concentrato al 100% sulla guida e da questo punto di vista sono tranquillo“, ha precisato Charles in conferenza stampa.
GP Francia
La vittoria più importante della carriera di Verstappen
21/06/2021 A 09:37

Ferrari, Mercedes, Red Bull: le macchine del Mondiale F1 2021

GP Francia
Pagelle: colpaccio Verstappen, Ferrari al buio, 4 a Leclerc
20/06/2021 A 16:58
GP Francia
Ferrari, Leclerc: "Migliorare? Non a breve termine"
20/06/2021 A 15:49