La prima storica edizione del Gp di Miami di Formula 1 ha visto trionfare Max Verstappen su Red Bull dopo un week end reso difficile da problemi di affidabilità. Ferrari battuta, ma ora arriveranno anche sulla rossa i primi step di sviluppo. Leclerc ha fatto il suo, Sainz ha mostrato di non essersi fatto travolgere dagli ultimi errori. Male Hamilton, battuto nel corpo a corpo dal compagno Russell, mentre le imprese di giornata le fanno Ocon, 9° dopo essere partito ultimo in griglia, e Albon, ancora una volta a punti (10°) con la Williams.
Come di consueto dopo ogni gara andiamo a vedere i promossi e i bocciati. Chi è stato il pilota che si è messo più in evidenza? Quale driver o scuderia ha completamente perso la bussola ottenendo meno di quanto ci si potesse immaginare alla vigilia? Di seguito le nostre pagelle e i nostri voti al GP appena andato in archivio.
MAX VERSTAPPEN (Red Bull, 1° classificato): voto 9 - Sfrutta al meglio i due decimi circa di vantaggio che la Red Bull ha sulla Ferrari, ma lo fa partendo da un week end in salita e chiuso in scioltezza. Nessun long run venerdì, quando le temperature della sua macchina avevano acceso più di un campanello d'allarme nel suo box, e un errorino sabato in Q3 che gli aveva precluso la possibilità della prima fila. In gara ribalta tutto infilando subito Sainz, giocando al gatto col topo con Leclerc e gestendo poi perfettamente le diverse fasi di gara, safety car compresa. Senza macchia.
GP Miami
Verstappen trionfa a Miami su Leclerc e Sainz. Bis Ferrari sul podio
08/05/2022 A 21:14
CHARLES LECLERC (Ferrari, 2° classificato): voto 7,5 - Fa il suo, tenendo dietro per una decina di giri Verstappen e provando a mettergli pressione nel finale, dopo la safety car. Con più spunto sul dritto e meno degrado gomme (e qui il campanello d'allarme è tutto per Maranello) ci avrebbe provato, poi avrà pensato che a Barcellona troverà un pacchetto di sviluppi e una pista più adatta alla sua Ferrari rispetto a Miami.

La lotta di champagne fra Leclerc e Verstappen sul podio del GP di Miami

Credit Foto Getty Images

CARLOS SAINZ (Ferrari, 3° classificato): voto 7 - Ricostruisce il week end dopo il botto nelle libere di venerdì, e lo fa bene. In partenza paga dazio alla parte sporca della pista e alla classe di Verstappen, nel finale però è impagabile nel resistere a Perez e portare a casa un podio pesante per la classifica Costruttori. Dopo quattro errori in due week end, non era scontato.

Sainz: "Felice del rinnovo con Ferrari, ora l'obiettivo è fare meglio"

SERGIO PEREZ (Red Bull, 4° classificato): voto 5,5 - Se la Red Bull aveva un leggero margine sulla Ferrari, lui non ci ha messo il resto, restando alle spalle delle rosse in qualifica come in gara. Solitamente nelle gare americane si esalta, qui si nasconde.
GEORGE RUSSELL (Mercedes, 5° classificato): voto 8 - Vero che recupera posizioni grazie alla safety car, ma in virtù della partenza fuori dalla top ten si gioca l'azzardo della partenza su gomme dure, resistendo per 50 giri su un buon passo, e nel finale può sfruttare la gomma nuova per strapazzare Hamilton in pista, passato addirittura due volte. Sta diventando l'incubo di Lewis. Ed è ancora una volta il primo dopo Red Bull e Ferrari. Mister consistenza.
LEWIS HAMILTON (Mercedes, 6° classificato): voto 5 - Questa volta sembrava essere lui a tenere in piedi la Mercedes, con la terza fila in qualifica ed una gara onesta dietro i migliori. E invece, con la safety car, è finita anche peggio delle altre volte, col giovane compagno che lo ha passato, gli ha restituito la posizione per un taglio di chicane e lo ha infilzato nuovamente. Nervi tesissimi.

Per il quarto GP consecutivo Hamilton ha perso il derby in Mercedes con il compgno di squadra Russell

Credit Foto Getty Images

ESTEBAN OCON (Alpine, 9° classificato): voto 8 - Ultimo in griglia per l'uscita a muro di sabato mattina, ricostruisce la gara con uno stint lungo su gomme dure ed uno breve ma velocissimo su gomme rosse morbide, che gli vale la zona punti immediatamente alle spalle del compagno Alonso. Impresa di giornata.
ALEXANDER ALBON (Williams) 10° classificato: voto 7,5 - Ancora una volta a punti con la problematica Williams, sempre in virtù di tecnica e strategia. Si sta rifacendo una sacrosanta carriera in F1.
GP DI MIAMI: voto 7 - Un evento all'americana, col consueto ed esagerato contorno in una location particolarmente sgargiante. Ma il week end, per quanto coreografico, è riuscito in pieno anche sul piano tecnico, con tanti sorpassi in diversi punti di un tracciato impegnativo anche sul piano fisico. Nell'ultimo ventennio abbiamo visto la Formula 1 andare a visitare posti ben più insulsi.

Ferrari F1-75, il video della nuova monoposto di Leclerc e Sainz

Formula 1
Classifica piloti e costruttori: Verstappen scavalca Leclerc
20/03/2022 A 17:06
Formula 1
Formula 1 2022: calendario, circuiti, team e piloti, cosa devi sapere
14/03/2022 A 16:59