Max Verstappen coglie in pieno l'opportunità offertagli dal ritiro preventivo di Charles Leclerc e vince il Gp di Monaco-Montecarlo, quinta prova del Mondiale 2021. La Ferrari si consola parzialmente col 2° posto di Carlos Sainz, velocissimo ma agevolato dallo sfortunato ritiro di Valtteri Bottas. Chiude il podio Lando Norris, bravo ad ottenere il massimo possibile con la sua McLaren con logo storico preparata appositamente per il Gp del Principato.
Giornata nera per la Mercerdes, che oltre al ritiro di Bottas registra la gara incolore di Lewis Hamilton, 7° al traguardo alle spalle di Vettel e Gasly. Giornata da ricordare anche per Antonio Giovinazzi, che tiene la sua Alfa Romeo in zona punti col 10°posto finale.
GP Monaco
Leclerc: "Molto triste. Problema dovuto all'incidente di sabato"
23/05/2021 A 13:48

Max Verstappen trionfa a Monaco.

Credit Foto Getty Images

ORDINE D'ARRIVO

VerstappenRed Bull
SainzFerrari+ 9"074
NorrisMcLaren+ 19"
PerezRed Bull+ 21"
VettelAston Martin+ 51"
GaslyAlpha Tauri+ 53"
HamiltonMercerdes+ 1'05"
StrollAston Martin+ 1'07"
OconAlpine+ '146"
GiovinazziAlfa Romeo+ 1' 47"

MOMENTI CHIAVE

Charles a piedi - Il momento chiave è circa mezz'ora prima della gara, quando Charles Leclerc prova a portare la sua Ferrari sulla prima piazzola della griglia di partenza accusando però gravi problemi ad uno dei semiassi. Naturalmente in molti hanno puntato il dito contro il team, col senno di poi la sostituzione della scatola del cambio (con arretramento di 5 posizioni) sarebbe stata la scelta migliore anche per evitare la oggettiva figuraccia di non prendere nemmeno il via. E' anche vero che quando non si è in lotta per il Mondiale, e si centra una pole position sul tracciato di casa del proprio pilota di punta, prendersi qualche rischio in più ci può stare. Certo è che il possibile, se non probabile, vincitore del Gp, non ha nemmeno avuto modo di prendere il via.

La delusione di Charles Leclerc al GP di Monaco 2021

Credit Foto Imago

Giro 30, autogol Hamilton - Bloccato al 6° posto, Lewis Hamilton e la Mercedes provano l'azzardo di anticipare la sosta ai box: l'undercut non riesce, Gasly resta davanti dopo il suo stop e passa anche Sebastian Vettel, che in salita verso il casinò offre uno dei pochi momenti di passione tenendosi alle spalle l'Alpha Tauri del francese e la Mercedes di Lewis una volta uscito dai box.
Giro 31, ritiro Bottas - Ma le sventure ai box non sono finite in casa Mercedes: un giro dopo si ferma anche Bottas per non ripartire più. La ruota anteriore destra non esce dal cerchio, il finlandese è costretto ad un clamoroso ritiro che dà il via libera a Sainz per il 2° posto.

Il problema alla gomma che è costato il ritiro a Valtteri Bottas e alla Formula 1, GP Monaco, Getty Images

Credit Foto Getty Images

IL MIGLIORE

Sebastian Vettel (Aston Martin) - Senza nulla togliere ai primi tre giunti al traguardo, tutti protagonisti di un grande week end e di una gara perfetta, ci piace premiare il 'ritorno' di Sebastian Vettel. Il tedesco rialza la testa dopo un inizio di stagione disastroso proprio sulla pista dove le doti tecniche fanno la differenza. Bravo a portare la sua Aston Martin in Q3 sabato, ancora più bravo a scavalcare Hamilton con la strategia in gara e chiudere con un ottimo 5° posto.

Vettel, 14 anni di soprannomi alle monoposto: da Gina a Bond Girls

IL PEGGIORE

Daniel Ricciardo (McLaren) - Certo il week end è amaro soprattutto per Lewis Hamilton, stranamente anonimo fin da sabato e dato in contrasto col team sulle scelte di setup. Ma a far rumore, al cospetto del 3° posto di Norris, è il 12° di Daniel Ricciardo con l'altra McLaren. Lui che aveva 'promesso' una vittoria in stagione magari proprio nel Principato. Chi più chi meno, tutti i piloti alle prese col cambio di team stanno faticando. Lui più degli altri.

LA STATISTICA

Una vera e propria nemesi storica per la Ferrari. Esattamente 40 anni fa, a Monaco 1981, Gilles Villeneuve portava per la prima volta al trionfo un motore turbo sulle strade del Principato con la Ferrari 126 CK, macchina potentissima ma scorbutica, che colse il successo proprio nelle condizioni più ostiche. Quest'anno la pole position di Leclerc lasciava presagire una Ferrari in grado di togliersi una soddisfazione importante grazie alla competitività della SF21 sul lento, ma il botto del sabato ha cancellato ogni illusione.

Hamilton: "Continuiamo a combattere contro il razzismo"

GP Monaco
Clamoroso Leclerc! Avaria al semiasse, niente gara
23/05/2021 A 12:39
GP Monaco
Alonso al veleno: "Con me in Ferrari un 2° posto era un funerale"
26/05/2021 A 08:09