La pole position più strana ed anomala della storia della Formula 1. Di colpi di scena se ne sono visti molti a Montecarlo ma festeggiare una pole position con un clamoroso botto alle Piscine, obbligando la direzione ad esporre la bandiera rossa non l’avevamo ancora vista. Charles Leclerc dopo un anno e sei mesi riporta la Ferrari sulla prima casella della griglia nel modo più incredibile e rocambolesco.

L’episodio che rovina un sabato perfetto

GP Monaco
Leclerc pole col botto: la Ferrari rompe tabù dopo 573 giorni!
22/05/2021 A 12:48
Dopo aver martellato tempo siderali nella Q2 e stampato lo stratosferico 1’10”346 nella prima parte della Q3, Charles Leclerc quando manca meno di un minuto dallo scadere delle qualifiche nell’ultimo tentativo a disposizione alle Piscine con la ruota anteriore va a danneggiare la monoposto che termina la sua corsa contro il guardrail rovinando la sua Ferrari. L’unico neo di una giornata comunque memorabile per la Rossa che ora si augura che l’incidente non abbia provocato troppi danni alla SF21 del monegasco. Si teme sopratutto per il semiasse e per il cambio, un problema a quest’ultimo componente, obbligherebbe il team a sostituirlo e Leclerc si troverebbe a partire non più davanti a tutti ma in terza fila dalla sesta casella della griglia.

La Ferrari di Leclerc danneggiata alle Piscine, F1 GP Monaco, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Binotto: "Preoccupati per differenziale e cambio ma bisogna essere felici"

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, ai microfoni di Sky Sport ha commentato così la rocambolesca pole di Leclerc non nascondendo una certa preoccupazione per i guai che la monoposto ha riportato nell’incidente contro le barriere:
Ci vorrà circa un’ora per vedere le condizioni del cambio sulla macchina di Leclerc: tempo di smontare posteriore, sospensioni, semiasse. Non ho visto il telaio danneggiato, la preoccupazione è per il cambio e il differenziale. Dobbiamo essere contenti, sorridere, abbiamo la pole, un bel risultato di squadra. La macchina si comporta molto bene nelle curve a bassa velocità in cui ha molto carico,che è il tipo che è più difficile da trovare e sviluppare. Era importante confermare questo aspetto per noi e si tratta di un presagio per il resto della stagione. Sainz in costante ascesa? Carlos si è sempre comportato bene qui, anche negli anni passati, ma per me è importante vedere che si sta integrando sempre di più guadagnando sempre maggior confidenza con la vettura. So di poter contare su di lui per tutto il resto della stagione”.

Ferrari SF21, il video della nuova rossa di Leclerc e Sainz

GP Monaco
Alonso al veleno: "Con me in Ferrari un 2° posto era un funerale"
26/05/2021 A 08:09
GP Monaco
Ferrari: giusto rischiare ma Monte Carlo non perdona
24/05/2021 A 09:10