E' Sergio Perez su Racing Point il vincitore a sorpresa del Gran Premio di Sakhir, penultima prova del Mondiale di Formula 1. Il messicano, protagonista di un contatto al primo giro, ha rimontato dall'ultima posizione, ha preceduto Sebastian Ocon e Lance Stroll. Ottavo e nono posto per le Mercedes di Bottas e Russell dopo un pasticcio al pit stop (invertite le matricole delle gomme dei piloti). Dodicesimo Sebastian Vettel, fuori al via Leclerc dopo un contatto con Verstappen. I voti dello scoppiettante Gp del Sakhir, dominato dal rookie George Russell ma vinto in rimonta da Sergio Perez. Una volta tanto dietro la lavagna il team Mercedes. Bene Ocon e Sainz. Incauto Charles Leclerc, anonimo Sebastian Vettel. Giovinazzi, già confermato in Sauber-Alfa Romeo per il 2021, è il migliore a fondo gruppo.

Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) 1° classificato: voto 9

Quasi un grido di disperazione per restare aggrappato alla Formula 1. Comunque vada, il modo migliore per salutare l'ingrata Racing Point, con una rimonta capolavoro dal fondo del gruppo dopo lo speronamento subito da parte di Leclerc. Il resto glielo ha gentilmente regalato la Mercedes, ma lui se l'è meritata tutta, e non solo per la gara di oggi. Se lunedì annuncerà il forzato addio alla F1, lo farà da vincitore.
GP Sakhir
Leclerc: "Ho fatto un errore, sorpreso da Perez"
06/12/2020 A 19:30

Esteban Ocon (Renault) 2° classificato: voto 6

Ha il merito di restare fuori dai problemi, e sfrutta le Safety car per mettersi alle spalle chi gli era stato davanti per tutta la gara. Nel giorno che stava per consacrare Russell, festeggia anche lui, giubilato da Mercedes proprio in favore dell'inglese.

Carlos Sainz (McLaren-Renault) 4° classificato: voto 7

Formidabile in partenza, deciso nei sorpassi, velocissimo sul ritmo gara. Senza la sfortuna del secondo pit stop proprio nel momento della Virtual, il secondo posto alle spalle di Perez sarebbe stato suo, e si sarebbe potuto giocare anche le proprie chances di vittoria. In continua crescita.

Carlos Sainz (McLaren)

Credit Foto Getty Images

George Russell (Mercedes) 9° classificato: 9

Dà ragione a chi dice che chiunque possa vincere sulla Mercedes, ma non è esattamente così. Scendere da una macchina e salire su un'altra in soli due giorni è maledettamente difficile, sfruttare subito al meglio la pur nobile freccia nera non è da tutti. E' della razza dei Leclerc e dei Verstappen, lo aveva lasciato intravedere e lo ha confermato con questa grande gara. Toto Wolff non ha forzato la situazione con Williams a caso.

Valtteri Bottas (Mercedes) 9° classificato: voto 3

La demolizione psicologica dovrebbe essere completata, le botte prese sia in partenza che in gara da un ragazzino sulla sua stessa macchina certificano definitivamente la sua insipienza tecnica. Il pasticcio ai box lo penalizza oltremodo nel finale di gara, quando è in pista con gomme finite. Ma Russell lo aveva già regolato prima con una macchina sconosciuta e pure scomoda. Si goda il contratto 2021.

Valtteri Bottas

Credit Foto Getty Images

Sebastian Vettel (Ferrari) 12° classificato: voto 4

Anonimo già dal sabato, quando sentiva la macchina meglio di altre volte eppure si era ritrovato staccatissimo da Leclerc e dalla Q3. In gara ha faticato sulle gomme ed è stato l'ultimo classificato prima della triade Alfa-Haas-Williams. Turistico.

Sebastian Vettel, Mattia Binotto, Charles Leclerc (Ferrari) - GP of Sakhir 2020

Credit Foto Getty Images

Charles Leclerc (Ferrari) non classificato: voto 5

Un sabato da 9, con quel giro di qualifica che lui stesso ha definito perfetto e non migliorabile ed una seconda fila che apriva prospettive inattese sul Gp. L'errore in curva 4 ci ricorda che è giovane ed i giovani passano per forza di cose dagli errori. Tra i suoi c'è spesso un eccesso di foga nelle prime curve. Fortuna che la rossa 2020 è soprattutto una buona palestra.

Mercedes (team) voto 4

Giusto e doveroso togliersi il cappello davanti alle gesta tecniche di un gruppo di lavoro che ha dominato e domina in lungo e in largo l'era turboibrida. La scena da comiche del Gp del Sakhir riporta Toto Wolff e i suoi uomini in una dimensione terrena. Certo hanno negato la vittoria a Russell e umiliato inutilmente il povero Bottas, peraltro con un pit stop tutt'altro che necessario. Il relax fa male.

Hamilton, 36 anni da leggenda! Tutti i record di un fuoriclasse

GP Sakhir
La Mercedes sbaglia tutto. Vince Perez davanti a Ocon!
06/12/2020 A 16:52
GP dell'Arabia Saudita
Verstappen penalizzato di 10", Hamilton senza colpe
9 ORE FA