A margine del Gp di Singapore si è tenuto un nuovo incontro fra scuderie e Liberty media per la definizione del discusso cambio di regolamento tecnico in vista del 2021, primo anno dopo il termine del Patto della Concordia che scadrà a fine 2020. L'idea degli americani, come noto, è quella di aumentare l'equilibrio tra le forze in pista con limitazioni aerodinamiche in favore del ritorno ad un effetto suolo - che renderebbero più facile seguire da vicino una monoposto senza perdere troppo carico, e con la standardizzazione di diverse componenti. Ed è proprio ciò che lascia perplessi i tram, Ferrari in testa.

Binotto: "Così non va"

Proprio alla vigilia del primo Gp in Oriente, il Team Principal Ferrari ha voluto precisare la posizione, scettica a dir poco, di Maranello. "Siamo a quasi due mesi dalla deadline per definire i regolamenti 2021. In questo momento noi come Ferrari ci opporremo assolutamente a questa proposta - ha detto -, non è arrivato ancora il momento di cedere su qualcosa in modo da trovare un accordo".
GP Singapore
Le pagelle: Vettel formidabile, Ferrari che strategia! Mercedes e Hamilton deludono
22/09/2019 ALLE 15:35

I dubbi sull'effetto suolo

Binotto ha parlato diffusamente del tema principale, ossia la limitazione dell'aerodinamica per facilitare i corpo a corpo in pista: “Dal punto di vista aerodinamico si sta cercando di incrementare l’effetto scia -ha detto in proposito - riducendo tutti quei disturbi che ha una vettura che segue da vicino un suo avversario. L’idea è quella di favorire i sorpassi perchè, se chi è dietro perde deportanza, diventa sempre più difficile attaccare una vettura davanti. Per raggiungere il loro obiettivo, hanno aumentato l’effetto suolo riducendo l’effetto degli alettoni anteriori e posteriori che saranno molto semplici. Questo concetto funziona solamente se le geometrie stabilite sono molto precise. Non appena qualcuno si sposta dalle direttive, anche di qualche millimetro, si perde di fatto tutto il vantaggio della scia".

Troppe limitazioni

Dietro tutto ciò aleggia sempre lo spettro della standardizzazione di diverse componenti, e della relativa minor libertà di movimento in sede progettuale e di sviluppo. “Lavorando con i team si è deciso un regolamento molto prescrittivo con delle legality box, volumi all’interno dei quali ogni team ha la libertà di sviluppare la macchina. Questi volumi nel regolamento attuale definiscono una vettura grezza, mentre i volumi del regolamento 2021 ci daranno una monoposto già pronta. Non ci sarà libertà di azione, di sviluppo ed è su questo che, come Ferrari, siamo contrari. Non ci opponiamo al principio dell’effetto scia, ma diventa un problema se questo porta a non aver più libertà di sviluppo o a perdere quello che è la competizione tecnica tra scuderie. In questo modo si perde anche quello che è il DNA di questo sport. L’aerodinamica e il motore devono rimanere elementi di differenziazione da un punto di vista prestazionale. È impensabile andare in un’era in cui tutte le monoposto di Formula 1 siano, seppur velocissime, tutte uguali. Non possiamo distinguere una Ferrari, Mercedes o Red Bull solamente dal colore della macchina", ribadisce Binotto.

Soluzioni

Binotto ha anche provato a proporre soluzioni alternative secondo la visione ferrarista: “Siamo convinti che, per migliorare i sorpassi, il fattore aerodinamico sia quello meno determinante. Sono molto più determinanti le gomme, magari con una finestra di utilizzo un po’ meno stringente e che non si surriscaldino non appena qualcuno si avvicini. Altra cosa su cui è possibile agire sono i tracciati. Ci sono pista in cui è più facile superare e dove lo spettacolo è stato bello già quest’anno con la monoposto e aerodinamica attuale. Bisogna individuare qual è la caratteristica del circuito che determina lo spettacolo durante le gare. Infine si può agire anche sul peso delle vetture. Il peso è inversamente proporzionale all’agilità delle monoposto e questo influisce sulla possibilità di capitalizzare un sorpasso. L’aerodinamica è l’ultima delle priorità per migliorare lo spettacolo e siamo convinti che, allo stato attuale delle cose, non sia necessario migliorare la scia", conclude Mattia Binotto.
GP Singapore
Vettel: "Ho dato tutto, abbiamo ripreso vita"; Leclerc: "Sono un po' deluso per me"
22/09/2019 ALLE 15:11
GP Singapore
Doppietta Ferrari dopo due anni! Stavolta vince Vettel su Leclerc e Verstappen
22/09/2019 ALLE 11:56