La Formula 1 prosegue nelle sue gare sorprendenti. Nel buio di Singapore succede veramente di tutto: crash, safety car, sorpassi e un risultato insperato: la doppietta Rossa.
Si perché nella gara dove la Mercedes sembrava avere il passo per stravincere, rimane fuori dal podio. Mentre la Ferrari, che si aveva ottenuto la pole ma non aveva un ritmo gara sorprendente, torna a casa da Marina Bay con un uno-due che mancava da ben due anni. E poi, soprattutto, abbiamo il ritorno di Sebastian Vettel.
GP Singapore
GP di Singapore in Diretta tv e Live-Streaming
21/09/2019 ALLE 10:14
Il tedesco vince il Gran Premio di Singapore per la quinta volta in carriera. Un successo incredibile, insperato, ottenuto grazie ad una strategia assolutamente vincente, forse anche in maniera un po' casuale. La sosta è stata l'episodio cardine della gara, con il tedesco che entra un giro prima di Leclerc con l'obiettivo di rimanere davanti a Verstappen. Ma nel giro di uscita il tedesco è velocissimo e riesce addirittura a rimanere primo, passando un sorpreso Charles.
Leclerc è battuto. Il monegasco è una furia in macchina, non comprendendo la strategia del muretto box con Vettel, dato che era deciso che sarebbe dovuto entrare per prima ai box chi era davanti, cosa non rispettata. Ma il muretto ha agito nel modo migliore: Seb ha pittato per rimanere davanti a Verstappen, non c'è stato nessun favoritismo nei suoi confronti. Poi la storia della gara ha favorito il tedesco ai danni del compagno.
La Ferrari non faceva tre vittorie di fila dal 2008. Un risultato pazzesco, soprattutto perché giunto su tre piste totalmente diverse: nel misto di Spa, nel veloce di Monza e nel lento di Singapore. Con il nuovo pacchetto aerodinamico la SF90 funziona un po' ovunque. Per il mondiale ormai è tardi, ma almeno vedremo le ultime sei corse della stagione con una rossa finalmente competitiva.
Chiude il podio Max Verstappen, che lascia fuori dal podio le Mercedes. Si perché oltre alla sorpresa Ferrari e Vettel, c'è da segnalare la Mercedes fuori dalla top three. Se la Ferrari la vince con la strategia, la scuderia tedesca la perde per lo stesso motivo. Nella fase centrale Hamilton con le rosse viene lasciato fuori per troppo tempo, perdento secondi prezioni. Poi però nel finale Lewis manifesta un ritmo lento e così si deve accontentare della quarta piazza. Al di là del risultato, la Mercedes si ritrova con una Rossa veramente forte e competitiva. Tra sette giorni a Sochi sarà ancora lotta.

L'ordine d'arrivo

I 4 momenti chiave della gara

- Pronti via e davanti succede ben poco: Vettel prova ad attaccare Hamilton ma l'inglese rimane davanti. Bene Leclerc in testa, quarto Verstappen, poi Bottas e Albon. Dietro Sainz e Russel accusano problemi e sono costretti ad entrare ai box. Si va al rallentatore davanti, ritmo lentissimo per paura di rovinare le gomme. Per darvi un'idea si gira 13 secondi più lenti a giro rispetto al tempo della pole di ieri. Per cui gruppo compatto, sempre con Leclerc davanti a Hamilton e Vettel.
- Nelle retrovie cominciano i pit. Davanti sempre tutti attaccati e ritmo da GP2. Dopo venti giri sono Vettel e Verstappen i primi ad entrare ai box, con Seb che entra per paura dell'undercut di Max. Il tedesco fa un giro di uscita da record, e così quando tocca a Leclerc andare ai box esce clamorosamente dietro al tedesco. La Mercedes invece non entra. Poco dopo è il turno del pit di Bottas che finisce dietro a Max. Hamilton prosegue davanti, secondo fantastico Giovinazzi, poi Gasly, Ricciardo, Stroll, Vettel, Leclerc, Verstappen e Bottas.
- Al giro 27 arriva il pit di Hamilton che stava crollando. Esce dietro a Verstappen e davanti a Bottas. Per cui c'è in testa clamorosamente Giovinazzi davanti a Gasly, Ricciardo, Stroll, poi Vettel, Leclerc, Verstappen, Hamilton, Bottas e Albon. Seb si ricorda di essere un fenomeno e, in brevissimo tempo, passa tutti, riportandosi in testa. Leclerc e Verstappen invece perdono tempo nei sorpassi, con Vettel che se ne va. Dietro Hamilton e Bottas faticano: la Mercedes ha sbagliato strategia, rimanendo in pista troppo a lungo con le rosse.
- Inizano le Safety Car, prima per il crash di Russel, poi per il problema di Perez, infine per il contatto tra Raikkonen e Kvyat. Vettel rimane davanti a Leclerc, che però è una furia e vuole combattere col compagno. Terzo Verstappen, poi Hamilton e Bottas. Quando si riparte Leclerc attacca, ma Seb ne ha e stacca il compagno. E così in maniera sorprendente la Ferrari conquista la doppietta e Seb torna alla vittoria.

La dichiarazione

Charles LECLERC: "E' una grande doppietta per il team, la prima della stagione. Qui speravamo di andare sul podio e invece prendiamo una doppietta. Sono un po' deluso da parte mia, ma reagirò ancora più forte. Siamo ottimisti per il futuro, sia in qualifica che in gara".

La statistica chiave

Doppietta Ferrari: era da Ungheria 2017 che la Ferrari non portava a casa una doppietta. Due anni, troppi. Seb torna a vincere da Belgio 2018.

Il tweet da non perdere

Il migliore

Sebastian VETTEL: Bentornato Seb! Forse in maniera anche un po' sorprendente, il tedesco si sveglia nel buio di Singapore. Dopo una buona qualifica, sfrutta al meglio la scelta azzeccata della strategia per andare in testa. Poi davanti è super a tenere a bada il compagno di squadra. E così dopo una vita torna alla vittoria.

Il peggiore

Box ALFA ROMEO: gestione sciagurata della gara di Giovinazzi. Antonio si gode la testa della corsa per qualche giro, ma successivamente crolla in termini di prestazioni. Qui doveva entrare ai box, invece rimane dentro per una vita, perdendo secondi preziosi. Rientra quando ormai è tardi. Nel finale comunque Giovinazzi riesce a guadagnare un punticino che fa tanto morale.
GP Singapore
FP2: Hamilton impressiona sul giro secco davanti a Verstappen, Vettel 3°, Leclerc 6°
20/09/2019 ALLE 15:08
GP Singapore
Libere 1 a Verstappen, Vettel 2°. Problemi al cambio per Leclerc, Bottas va a sbattere
20/09/2019 ALLE 10:32