Questa volta c’è poco da capire. Mattia Binotto non ha bisogno di aggrapparsi ad una delle frasi che lo hanno reso celebre trasformandolo in una delle imitazioni meglio riuscite di Maurizio Crozza. La Ferrari ha rotto la Power Unit quando la vittoria sembrava ormai incassata grazie anche ai guai di Verstappen e della Red Bull. Invece in Formula 1 il granellino di sabbia può far saltare tutto fino ad un metro prima del traguardo. Alla Ferrari è capitato ancora prima di arrivare a metà gara, ma il risultato non cambia. Fa male, come ha ammesso Leclerc. Però in una domenica in cui la Red Bull è tornata in testa in entrambe le classifiche, la Ferrari può guardare a un bicchiere che sembra mezzo pieno e comunque più pieno di quanto non fosse quindici giorni fa a Miami.

Crozza, il nuovo personaggio è Binotto: "Crisi Ferrari? Colpa dell'antifurto"

Il motore ha tradito Leclerc dopo che era stato il più veloce in ogni sessione di prove, qualifiche comprese. Soprattutto lo ha tradito mentre stava dominando la gara con una macchina che sembrava perfetta come quella delle prime gare del campionato. La Ferrari aveva ritrovato il feeling con le gomme, sembrava non mangiarle più come a Miami o la volta prima a Imola. Le evoluzioni portate in pista avevano dato i risultati sperati e a tradire è stato il motore che pareva uno dei punti di forza della SF 75, uno dei particolari che a Barcellona non erano stati toccati. Cose che succedono in Formula 1. L’importante è reagire immediatamente già da questo fine settimana a Montecarlo. Leclerc ha dimostrato di essere velocissimo in qualifica e in gara era stato perfetto.
GP Spagna
Pagelle: Leclerc iellato, Sainz insufficiente, Russell patente da big
22/05/2022 A 16:57
Gli serve quell’affidabilità che pareva uno dei punti di forza della Ferrari, ma che evidentemente in Formula 1 è un fattore di cui non si può mai essere certi al cento per cento. Piuttosto a Maranello devono evitare che nasca un caso Sainz. Carlos avrebbe dovuto prendere il posto di Leclerc e invece era già fuori dai giochi, lontano dal cuore della gara dopo una partenza rallentata e un errore viziato dal vento. Per battere Verstappen serve una macchina che non si rompa, ma anche una squadra a due punte.

Leclerc: "Pole speciale, sapevo che non potevo fare errori e ce l'ho fatta"

GP Spagna
Verstappen: "Ho mantenuto i nervi saldi, strategia vincente"
22/05/2022 A 16:10
GP Spagna
Amarezza Leclerc: "Fa male, ma il feeling con la F1-75 è tornato"
22/05/2022 A 15:13