I test di F1 in Bahrain sono entrati a far parte dell’album dei ricordi e quel che ci ha lasciato la pista di Sakhir è stata una Red Bull che con l’olandese Max Verstappen, campione del mondo in carica, ha ottenuto il miglior tempo della tre-giorno.
L’orange, a bordo della sua RB18, ha fatto vedere ottime cose con più o meno benzina nel serbatoio, mettendo in mostra una macchina che sul fronte guidabilità ha impressionato. In particolare, con lo sviluppo introdotto nel terzo e ultimo giorno di prove (pance e fondo rivisti), la vettura progettata dalla mente geniale di Adrian Newey ha espresso consistenza, velocità e costanza.
Formula 1
Leclerc: “Ottimo test", Hamilton: "Non siamo pronti per vincere"
12/03/2022 ALLE 18:00
Tuttavia, nel “gioco” di strategia dialettico di questi giorni a Milton Keynes hanno voluto un po’ scaricare la pressione su altri. Il riferimento è alla Ferrari. In prima battuta, il Team Principal Christian Horner ha parlato di una F1-75 veloce in tutte le condizioni e poi ci ha pensato il consulente della scuderia anglo-austriaca Helmut Marko a rafforzare questo concetto.
Intervistato da Auto Motor Und Sport, il 78enne austriaco ha voluto sottolineare le qualità della monoposto di Maranello, apparsa oggettivamente solida e consistente: “I primi riscontri sono chiari e dicono che la Ferrari è davanti. Noi siamo immediatamente dietro, mentre la Mercedes e la McLaren, in quest’ordine, sono alle nostre spalle. Mi riferisco allo stato attuale delle cose, ma gli equilibri sono questi”. A questo punto non resta che attendere una settimana, quando infatti il Circus andrà in scena per il primo round stagionale proprio a Sakhir (18-20 marzo).

Verstappen: "Rinnovo? Semplice, sono nella miglior squadra del mondo"

Formula 1
Day-3 test: Verstappen chiude in testa, Schumacher scavalca Leclerc
12/03/2022 ALLE 16:26
Formula 1
Wolff su Binotto: "In Ferrari è resistito più di quanto pensassi"
29 MINUTI FA