Sebastian Vettel ha scelto: nonostante il record di vittorie in carriera che Hamilton è pronto a conquistare in solitaria già dal prossimo Gran Premio, il migliore di sempre per il pilota tedesco rimane Michael Schumacher. Senza troppi giri di parole Seb, ma d'altronde al cuore non si comanda: cresciuto con negli occhi le immagini dei successi di Schumi, il tedesco della Ferrari ha sempre visto il proprio connazionale come l'idolo dell'infanzia, il migliore in assoluto, l'uomo capace di far sognare milioni di persone, Sebastian Vettel compreso. Vettel è sicuro, Lewis Hamilton supererà il primato di Schumacher, ma non per questo potrà essere considerato il miglior pilota della storia della Formula 1:

"Ho molto rispetto per il traguardo che ha raggiunto Lewis, è un numero che nella mia testa pensavo non potesse davvero mai essere raggiunto. E adesso con la stessa certezza posso pensare che Lewis batterà questo primato. Tuttavia, devo dire che Michael sarà sempre il mio eroe"

GP Portugal
GP Portogallo F1 2020 in Diretta tv e Live-Streaming
6 ORE FA

Nessuno come Schumi

Penso che Michael avesse qualcosa che finora non ho visto in nessun un altro pilota

Pochi dubbi per Sebastian Vettel, il migliore di sempre - indipendentemente da numeri e record - sarà comunque Michael Schumacher. Scelta di cuore, ma da chi è cresciuto con l'idea di voler diventare proprio come lui ogni parola appare comprensibile:

"Penso che Michael avesse un talento naturale molto difficile da spiegare. Puoi capirlo se lo hai visto andare in kart. Ovviamente io non l’ho visto da giovane, ma l’ho fatto più avanti negli anni, e sono stato felice di essere in squadra con lui alla Race of Champions un paio di volte. Sia in kart che alla Race of Champions penso si vedesse che capacità naturale aveva. Una capacità che, come ho detto, non ho visto in nessun altro finora. Nessuno lo ha ancora eguagliato"

Hamilton, 91 vittorie come Schumacher: campioni nati per dominare

GP Portugal
Libere 2: la Ferrari rialza la testa a Portimao, Leclerc 4°
13 ORE FA
GP Portugal
Hamilton, Ferrari e mercato: le cinque domande prima del GP
16 ORE FA