Nicola Bartolini pennella l’esercizio della vita al corpo libero e conquista una spettacolare medaglia di bronzo agli Europei 2021 di ginnastica artistica. L’azzurro si esalta sulla pedana di Basilea e sale sul podio continentale per la prima volta in carriera: due anni fa era riuscito a disputare la Finale di Specialità, oggi ha preso parte all’atto conclusivo con ben altra maturità e con ancora più consapevolezza nei propri mezzi tecnici, riuscendo a far saltare il banco come si sperava alla vigilia della manifestazione.
Il sardo, ammesso col sesto punteggio di qualifica, si è presentato al quadrato con grandissima convinzione, con quella rabbia agonistica che lo contraddistingue, con quell’ardore che non è mai venuto meno anche nei momenti più critici affrontati negli ultimi anni. Il 25enne non ha sbagliato davvero nulla, si è esaltato in tutte le difficoltà acrobatiche portate in gara, ha stoppato praticamente tutti gli arrivi e ha ampiamente meritato di conquistare il miglior risultato della carriera.
Ginnastica artistica
Final Six domenica 16 maggio in diretta sul NOVE
20 ORE FA
L’attuale alfiere della Pro Patria Bustese ha ottenuto il rilevante punteggio di 14.666 (5.8 il D Score), migliorando di un decimo quanto fatto in qualifica. Doppio carpio avanti stoppato. Inchiodato anche lo Tsukahara avvitato. Uno e mezzo-doppio avanti buono. Nicola Bartolini è stato impeccabile sugli arrivi, poi ha brillato nella parte a terra e ha eseguito perfettamente anche l’ultima diagonale, esplodendo in un urlo liberatorio, a dimostrazione di quanto fosse sicuro delle proprie potenzialità.
L’azzurro si consacra in un evento di questa caratura e spera ancora di conquistare un pass per le Olimpiadi, ma servirà un particolare incrocio di risultati favorevoli attraverso la Coppa del Mondo di specialità in modo da essere ripescato. Intanto il sardo si coccola questa medaglia, raggiunta al termine di una finale impeccabile. Ultimo italiano a salire sul podio agli Europei in questa specialità? Andrea Cingolani fu bronzo a Mosca 2013.
A trionfare è stato il russo Nikita Nagornyy, Campione del Mondo all-around e ieri vincitore del concorso generale individuale. Il 24enne conquista il secondo titolo continentale in questa specialità, curiosamente sempre in terra elvetica (vinse a Berna nel 2016). Esercizio strepitoso, con addirittura 6.8 di D Score e un magistrale triplo carpio dietro (primo uomo a eseguire questa difficoltà inverosimile).
Tokyo 2020
Ferrari portabandiera? Tecchi: "Lo merita, ne parlo con Malagò"
27/04/2021 A 08:43
Ginnastica artistica
Vanessa Ferrari: "Bronzo dedicato all'Italia della liberazione"
25/04/2021 A 17:21